Brizzi,

Recensione - "Ho sposato una vegana. Una storia vera , purtroppo" di F. Brizzi

venerdì, aprile 15, 2016 Baba_Books Desperate Bookswife 19 Comments

In ritardo - ormai mi conoscete - ma eccomi!! Venerdì, tempo di recensioni e di letture, di tazze di tè e di biscottini, l'importante che le foglie adoperate per l'infuso siano bio e i biscottini privi di glutine, di zucchero raffinato, di miele e ovviamente di latticini. Riuscirete a godervi la vostra merenda? Claudia sì.







Titolo: Ho sposato una vegana - una storia vera purtroppo
Autore: Fausto Brizzi
Casa Editrice: Einaudi                                                                
Pagine: 132
Prezzo: 12,50€
Pubblicazione:   2016
VOTO:
Notizie sull'autore: Fausto Brizzi (Roma, 1968) è un regista, sceneggiatore e produttore cinematografico. Con il suo film d'esordioNotte prima degli esami ha vinto il David di Donatello e il Nastro d'Argento. Tra le altre sue opere: Ex, Maschi contro femmine, Com'è bello far l'amore, Pazze di me. Per Einaudi ha pubblicato Cento giorni di felicità (2013), tradotto in Francia, Stati Uniti, Germania, Gran Bretagna, Spagna, Brasile, Israele, Repubblica Ceca, Slovacchia, Serbia, Turchia, Australia, Se mi vuoi bene (Stile Libero 2015 e Super ET 2016) e Ho sposato una vegana (2016).




Fausto e Claudia sono due personaggi pubblici molto diversi, lui è un  regista ed autore, lei un'attrice famosa, lui è onnivoro tendente al carnivoro convinto, lei è Vegana estremista. Lei è una gran gnocca e lui è un pesciolino innamorato. Quale potrà mai essere il risultato? Lei prepara piatti assolutamente vegetali e salutisti mentre lui si adatta e quando la bella Claudia è in tournè...il topino balla a suon di amatriciane e bistecche al sangue.
Che cosa è questo libro? Un romanzo? No. Un saggio? No. E' semplicemente una testimonianza di vita, particolarmente divertente e ben scritta: Fausto e Claudia sono due macchiette ed io non mi sono mai divertita tanto. Mi rendo altre sì conto che la vita del famoso regista di "Notte prima degli esami" non dev'essere molto facile, ma come recita il detto più usato in Italia...ha voluto la bicicletta e adesso pedala!
Scherzi  a parte, oltre a regalarci dei siparietti davvero divertenti, il Signor Brizzi ci mette su di un piatto d'argento uno spunto per riflettere, seduti sulle nostre poltrone, sorseggiando coca cola e ascoltando musica tramite wi-fii: la nostra salute quanto è a rischio nel 2016?
Siamo tutti d'accordo che la Signora #iominutrosoloconrobasana sia un tantino fanatica, ma è anche vero che ad oggi le morti causate dai tumori siano cresciute esponenzialmente. E se forse strappare dalle mani una piadina prosciutto-formaggio di un amico sia un tantino esagerato, ma probabilmente è un gesto che le star si possono permettere...forse un pensierino sul nostro stile di vita si potrebbe anche fare. 
A quale prezzo paghiamo tutte le nostre belle comodità? I chili di porcherie che ingurgitiamo ogni giorno per colpa della fretta e della gola, a parte i deliziosi cuscinetti, come si impossessano della nostra salute? Ammetto di aver riso a crepapelle durante gli impacchi anti calvizie, di essermi sganasciata mentre gli invitati "imbucavano" mozzarelle di bufala al matrimonio vegano del secolo - per fortuna  Vianello a colpi di ever green ha spazzato via l'arrabbiatura della sposa -  e infine ho strabuzzato gli occhi dopo la dichiarazione " avrei apprezzato di più trovarti nella vasca idromassaggio in compagnia di una bella bionda, il sesso stimola le endorfine, riattiva la circolazione... - dopo l'aver scoperto una bustina di parmigiano nascosta dietro ad un ceppo di insalata -" . Però ammetto di aver riordinato le idee post lettura, e se di certo non sarò in grado di togliere il wi-fii da casa mia, sicuramente farò più attenzione alla provenienza delle materie prime che entreranno nel mio frigorifero in futuro.

Punti di forza:

  • La simpatia di Brizzi è contagiosa, riesce a far sembrare divertente qualsiasi cosa gli capiti, è una dote mica da ridere! 
  • Nonostante sia una storia senza storia, scusate il gioco di parole, non si riesce proprio a staccarsi dal piccolo e tascabile volume.
Punti deboli:
  • molti hanno letteralmente detestato Claudia, e credo che se io e lei condividessimo l'appartamento, l'attrice alloggerebbe sul balcone, ma in fondo è proprio lei l'anima del racconto. All'inizio pensavo che suo marito le avesse fatto un torto, ma successivamente mi sono convinta che lei sia dotata di un forte senso dell'umorismo!!




You Might Also Like

19 commenti:

  1. Ahahahah ricordo ancora l'incazzatura de La Libridinosa e le piadine che volavano di mano in mano! Comunque, dopo questo preambolo, posso dire che mi sono divertita molto a leggere la tua recensione ed è vero che il romanzo può contenere una serie di punti di riflessione, primo tra tutti quello che giustamente hai evidenziato circa la provenienza degli alimenti, l'aumento di malattie,obesità etc, etc, però credo che Claudia sia un tantino esagerata, almeno mi pare di leggerlo tra le righe, ma proprio tra le righe! Un romanzo che sicuramente non leggero ma che, attraverso la tua recensione mi ha fatto sorridere molto :) bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Bambina, si, Claudia è un tantino esagerata...poco poco eh!! e comunque la recensione della Libridinosa resterà negli annali!!1 Bacione

      Elimina
  2. Quanto ho riso con questo libro! Brizzi è fantastico! Anch'io post lettura ho cercato di fare più attenzione a quello che mangio...ma è durata poco! Hihihihihi
    Ciao Salvia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Bacci!!! Ma come è durata poco? ah ah ah carinissima :-)

      Elimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. L'avevo già adocchiato questo libro e già dal titolo mi era sembrato molto divertente, come dici tu. Me lo segno :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Viola leggilo, perchè secondo me è proprio carino da matti!! un bacione

      Elimina
  5. Sono d'accordo sul fare attenzione a ciò che si mangia, anche se penso che abituare il corpo a provare un po' tutto, in piccole quantità e variando spesso la dieta, sia la scelta più giusta. Detto questo... stavolta mi sento più vicina alla posizione della Libridinosa, e se la Claudia facesse volare via la mia piadina per quanto mi riguarda la seguirebbe a ruota ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh Nadia, non si può non essere vicini al pensiero della Libridinosa :-)
      Di base io ho difficoltà a mangiare la carne, non per posa, ma perchè mi piace poco... quindi per me non mangiarla più non sarebbe così pessimo ah ah ah

      Elimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  7. Ciao Salvia!
    Mi è piaciuta la tua recensione, però rimango in forse...
    credo di avere un pregiudizio di fondo verso i vegani, sempre così rigidi su ciò che mangiano e pronti ad additare chi ama concedersi una torta fatta con il burro e le sacrosante uova delle galline!
    con i vegetariani vado già più d'accordo! ;)
    temo che a leggere questo libro mi verrebbe il nervoso e finirebbe fuori dalla finestra, per cadere sulla testa di un malcapitato che si troverà in mano un libro con due tristi gambi di porri sulla copertina!!! :D :D :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Erin! grazie :-)!! eh i vegani a volte sanno essere davvero pesanti!! Se pensi di usare il volume come arma impropria...lascia stare ah ah ah non vorrei mai sentirmi in colpa!!!!!
      Un bacione

      Elimina
  8. la tua recensione è appassionata, appassionante anche ma... non sono proprio la tipologia di lettrice che si appassiona a questo genere di libro, ed i vegani mi danno pure un tale fastidio, che non posso approcciarmici a cuore poi così leggero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma ciao!! Ti ringrazio per i complimenti, ma certo, questo è un libro che può infastidire. Però secondo me Brizzi è così simpatico...che tutto passa in secondo piano!! Un abbraccio grande

      Elimina
  9. Appena rientra (è sempre in prestito) lo leggo di sicuro. Brizzi, in questo caso, mi fa tenerezza.
    Ciao da Lea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lea!!! Diciamo pure che Brizzi si è adattato per amore. Leggilo, è interessante :-) Bacioni

      Elimina
  10. io invece non riesco a convincermi a leggerlo, non amo gli estremi e anche se c'è del vero non sopporto quando me lo impongono. Se però fa ridere e sorridere una speranza c'è

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chiara siiii, fa ridere :-) è vero, gli estremismi sono fastidiosi però ti assicuro che questo libro è davvero carino! bacio

      Elimina
  11. 😂 dovrò leggerlo assolutamente, l'avevo giá adocchiato in libreria e dopo aver scoperto che imbucavano mozzarelle di bufala al matrimonio, sono ancora più curiosa ☺

    RispondiElimina