#Recensione,

Recensione - Due sirene in un bicchiere di Federica Brunini

venerdì, agosto 31, 2018 Baba_Books Desperate Bookswife 7 Comments

Il libro
Due sirene in un bicchiere di Federica Brunini
Editore: Feltrinelli| Pagine: 221| Pubblicazione: 2018 | Prezzo 15,00€| Trama Qui
Genere: narrativa contemporanea
Notizie sull'autrice
Federica Brunini è scrittrice, giornalista, blogger e instancabile viaggiatrice. Dopo la laurea in Lettere moderne e Teoria e storia della pedagogia teatrale in Italia, si è diplomata alla Civica scuola d’arte drammatica Paolo Grassi di Milano e ha collaborato con vari registi, tra cui Silvio Soldini e Giuseppe Bertolucci. Ha scritto per “Il Corriere della Sera”, “L’Espresso”, “People”, “Grazia”, “Glamour” e molte testate internazionali. Tra le sue pubblicazioni: Il manuale della viaggiatrice (Morellini, 2008), Sarò regina. La vita di Kate Middleton come me l’ha raccontata lei (Sonzogno, 2011), La matematica delle bionde (Giunti, 2013), Travel Therapy: il viaggio giusto al momento giusto (Emma Books, 2016), Quattro tazze di tempesta (Feltrinelli, 2016) e Due sirene in un bicchiere (2018). Vive con la valigia tra Milano, Tallinn e l’isola di Gozo, dove organizza vacanze e yoga retreat con il progetto www.goingozo.com.
Recensione 


C'è un posto sperduto, una roccia abbastanza grande da ospitare un piccolo paese di mare, conosciuto sì, ma duro, isolato, impervio. Uno di quei posti non adatti a chi ama la vita mondana e gli apericena immortalati dai selfie. E' un posto per riflettere, per far pace con se stessi.
E' un'isola, con le sue regole, i suoi abitanti sospettosi e quel mare che nasconde segreti tra le sue acque blu notte, profonde e ospitali solo per chi sa rispettarle.
C'è un B&B, si chiama "Le sirene stanche", ed è gestito da due amiche molto diverse ma complementari. Una appassionata di cucina e l'altra di arte; una schiva e l'altra amante della condivisione e della conoscenza del prossimo. Si chiamano Dana e Tamara. La prima è giovane e tenace, la sua età le permette di avere ancora sogni e speranza verso il prossimo mentre la seconda ha raggiunto la mezza età e ama il mare e il silenzio. Ma lavorano bene insieme, si completano, e condividono emozioni, trovando sempre un accordo.
Il loro B&B è nato per caso, per sostenersi reciprocamente, per costruire qualcosa di bello loro stesse e per gli ospiti. Non è un luogo classico di villeggiatura dove partecipare a balli di gruppo e sfide a carte, ma si medita, si cerca la soluzione dentro la propria anima, si ascoltano le vere esigenze con l'orecchio teso e non si sparge la voce, perchè questo magnifico spazio non ha bisogno di pubblicità sui social e non si deve intasare il web di fotografie. Per prenotare una delle poche camere è necessario scrivere una lettera di presentazione e specificare che cosa si cerca e cosa si spera di trovare. 
Quest'estate ho conosciuto gli ospiti delle Sirene Stanche, loro sono Eva - che cerca qualcuno sotto mentite spoglie -, Jonas - che segue le tracce lasciate da sua madre - , Olivia - donna dal cuore spezzato che necessita di una nuova ragione per amarsi - e Lisa e Lara - due gemelle diverse, unite da amore e antipatia e anche se ancora non lo sanno cercano la medesima cosa-.
E' stata una lettura piacevole, senza intoppi, da (a)mare. Come potete vedere dalla foto l'ho letto in spiaggia, accompagnata dal rumore delle onde e sotto l'occhio vigile dell'isola che avevo proprio davanti a me. Un romanzo che profuma di salsedine, di sole sulla pelle abbrustolita e che lascia spazio ai sogni, perchè ognuno di noi ha almeno un desiderio, un grattacapo o qualcosa di irrisolto. Un luogo quasi magico che serve a disintossicarsi dalla vita quotidiana, così stressante e dal ritmo serrato che non lascia spazio alla ricerca di se stessi.
Non posso affermare che sia il libro del cuore, indispensabile e prepotente, ma sicuramente è piacevole, i molti personaggi tengono compagnia e svolgono bene il loro compito. Un libro che regalerei alle amiche che stanno attraversando un momento di stress, perchè questa storia dona speranza e urla al mondo che se si vuole ci si può aiutare.
Ma non ci sono solo centrifugati bio, sedute di yoga e colazioni succulente, all'interno si cela anche una storia drammatica e l'autrice è riuscita ad inserirla rispettando i giusti incastri del puzzle, completando questo romanzo.
Sicuramente leggerò "Quattro tazze di tempesta" che ho a casa e aspetta da molto più tempo di essere letto.

Punti forti
-L'ambientazione. Come ho scritto sopra quest'isola mi ha rapito il cuore e la voglia di trascorrere una settimana in un luogo tanto caratteristico mi ha accompagnato per tutta la lettura.
- Il B&B è da sogno, o almeno per me. La Brunini fa avverare i sogni e crea un posto dove poterli covare.

Punti deboli
- C'è un mistero, salirà sull'aereo e si siederà di fianco al lettore per tutto il viaggio. Io però l'ho scoperto l'arcano troppo presto, così quando sono arrivata alla fine mi è mancato quel pizzico di stupore. 

7 commenti:

#aspettandoisoladineve,

#aspettandoisoladineve - quinta giornata

venerdì, agosto 31, 2018 Baba_Books Desperate Bookswife 2 Comments


Buongiorno a tutti!!!
Eccoci alla quinta giornata di #aspettandoisoladineve
A partire dal 27 agosto per cinque giorni potrete trovare nei nostri blog dei post dedicati ai libri di Valentina D'urbano e provare a portarvi a casa in anteprima assoluta una copia del nuovo attesissimo romanzo, Isola di Neve, in libreria dal 13 settembre
Un/a fortunato/a tra voi potrà vincere una copia speciale in edizione fuori commercio il 4 Settembre con la dedica dell'autrice! 
Continuate a leggere tutto il post per scoprire come partecipare!

2 commenti:

#Recensione,

Review Party - La piccola bottega di Parigi di Cinzia Giorgio

giovedì, agosto 30, 2018 Baba_Books Desperate Bookswife 3 Comments


Il libro
La piccola bottega di Parigi di Cinzia Giorgio
Editore: Newton| Pagine: 320| Pubblicazione: 30/08/ 2018 | Prezzo 9,90€| Trama Qui
Genere: narrativa 
Notizie sull'autrice
È dottore di ricerca in Culture e Letterature Comparate. Si è specializzata in Women’s Studies e in Storia Moderna, compiendo studi anche all’estero. Organizza salotti letterari, è direttore editoriale del periodico Pink Magazine Italia e insegna Storia delle Donne all’Uni.Spe.D. È autrice di saggi scientifici e romanzi. Con la Newton Compton ha pubblicato Storia erotica d’Italia, Storia pettegola d’Italia, È facile vivere bene a Roma se sai cosa fare e i romanzi La collezionista di libri proibiti, La piccola libreria di Venezia e La piccola bottega di Parigi.
Recensione 
e mezzo

Corinne Mistral sta per sposarsi con Massimo. Lui è un avvocato di successo e lei anche. Massimo è bello, ricco, premuroso, innamorato. Corinne è affascinante, determinata, ma con qualche dubbio. Lui le sorride e la guarda con gli occhi dell'amore. Lei pensa a come sarebbe sposare il suo ex.
Corinne è stata cresciuta dalle due nonne e all'improvviso muore quella paterna, che le lascia in eredità un Atelier a Parigi. Sarà questa una buona scusa per scappare dalla realtà romana e scoprire i segreti di sua nonna?

Se una persona apre il romanzo di Cinzia Giorgio e inizia a leggere i primi capitoli si convince, grazie anche alle varie etichette che si appiccicano inconsapevolmente ai libri, che questo sia il classico romanzo rosa. Sia chiaro, ho sempre letto pochissimi romance, non perchè io sia snob ma perchè ho sempre preferito un buon giallo o un thriller; se devo scegliere tra un amore nascente e un morto ammazzato, in letteratura preferisco il cadavere. Ultimamente però ho avuto delle grandi soddisfazioni, leggendo forse  le autrici giuste. Dicevamo quindi che questo libro da oggi lo troverete nel reparto "romanzi rosa", ma in realtà di romantico e passionale c'è poco. Quindi occhio, se pensate di imbattervi in una storia romantica all'ombra della Tour più famosa del mondo...siete sulla strada sbagliata. Quella scritta da Cinzia Giorgio è una storia di rinascita, di crescita personale, di consapevolezza. All'apparenza la protagonista ha tutti gli ingredienti a disposizione per una vita perfetta: un uomo innamorato al suo fianco, un lavoro di un certo spessore ottenuto con sacrifici e anni di studi, due nonne che hanno dedicato la vita all'unica nipote. Ci sono traumi però che non si riescono a superare, il ricordo dei tempi che furono ritorna ciclicamente senza suonare il campanello, rovinando il presente e pregiudicando opportunità; la causa è una foschia perenne, che avvolge il cuore e la mente. 
Se mi domandate quale sia il personaggio che più ho apprezzato, io vi rispondo: Nonna Anna. Non ha un ruolo attivo, purtroppo è passata a miglior vita, ma il suo ricordo e il bagaglio che ha lasciato è talmente vivo da mandare avanti l'intera storia. Una sarta talentuosa che da giovane migrò nella città dell'amore e delle opportunità, lavorando addirittura per la famosa Coco Chanel, senza mai montarsi la testa, ma apprendendo con intelligenza ogni segreto, per poi diventare proprietaria di un Atelier tutto suo, costruito grazie alla fiducia della celebre stilista. Una donna buona, piena di speranza e comprensione per il prossimo, una persona che ha saputo mettersi da parte per amore, per non creare problemi, ma che ha sempre vegliato da lontano. Le lettere che ha lasciato in eredità, insieme alla bottega, sono ricche di sorprese, profumano di umiltà, scritte da una mano profonda, da un cuore puro che non ha mai peccato di vanità.

Ho invece detestato con tutta me stessa Leonardo, arrivista, presuntuoso, maschilista spavaldo, un fallito che nasconde la sua incapacità comandando il prossimo a suo piacimento, incapace di vivere una vita propria, la sua ambizione è quella di rovinare l'esistenza altrui, sentendosi invincibile.
La stessa Corinne è per me ambigua, accecata dalla luce proveniente da una finestra affacciata sul passato, spesso mi è sembrata superficiale e con i piedi poco per terra. Ma deve superare degli ostacoli e imparare a camminare da sola, questa è la sua missione.
Poi c'è Bruno, un personaggio strano, del quale non ho ben capito il ruolo, forse mi sarebbe piaciuto scoprire qualcosa di più.
E nonna Elena? Un generale! Colei che ha tenuto in mano le redini della famiglia, senza incertezze, senza dubbi. Dotata di quella sicurezza che è sempre mancata a Corinne, è un personaggio importante e interessante.
Massimo... lui è un uomo speciale, forse troppo perfetto? Ma la perfezione non piace a noi donne, noi cerchiamo le cause complicate, le persone che ci aggrovigliano la vita. Chissà se la protagonista saprà imboccare il giusto sentiero.

Sarò onesta con voi, se non avessi deciso di partecipare a questo Review Party non avrei letto un libro di questa autrice, ma proprio per ampliare i miei orizzonti mi sono ripromessa di leggere scrittori nuovi, perchè se non si cerca...non si trova. Mi ritengo soddisfatta, ho letto La piccola bottega di Parigi con piacere, regalandomi una dolce coccola. La Giorgio ha costruito un romanzo di intrattenimento, ma lo ha fatto con cura e attenzione, facendomi venir voglia di comprare la biografia di Chanel, ma sopratutto di dedicarmi un po' di più allo studio della moda (la mia ignoranza in materia è sconvolgente, ho dovuto cercare su google cosa sono le scarpe a stiletto). Per la miseria sono una donna! Almeno le basi.


Punti forti
- Le lettere scritte da nonna Anna, quelle che ci hanno permesso di conoscere parte della sua storia, sconvolgente e incredibile. Spesso durante la lettura ho pensato "quando arrivano le lettere di Anna?"
- Aver inserito Coco Chanel, nozioni di moda, e un Atelier a Parigi (città che AMO). Dovete sapere che se io potessi, aprirei una libreria indipendente a Montmartre. Banale? Non importa, i sogni sono sogni. Se è per questo scapperei anche su di un'isola tropicale, piccola e poco abitata. La fiera della banalità!
- La trama ricca. L'autrice ha costruito una buona storia, alternando presente, passato remoto e trapassato remoto. Ho apprezzato questa forma.
- La non prevedibilità.

Punti deboli
- Come ho scritto, non ho ben capito il ruolo di Bruno, che non mi ha dato nulla e più volte mi sono chiesta quale fosse il suo compito.

3 commenti:

#aspettandoisoladineve,

#aspettandoisoladineve - quarta giornata

giovedì, agosto 30, 2018 Baba_Books Desperate Bookswife 0 Comments


Buongiorno lettori!!!
Eccoci alla quarta giornata di #aspettandoisoladineve
A partire dal 27 agosto per cinque giorni potrete trovare nei nostri blog dei post dedicati ai libri di Valentina D'urbano e provare a portarvi a casa in anteprima assoluta una copia del nuovo attesissimo romanzo, Isola di Neve, in libreria dal 13 settembre
Un/a fortunato/a tra voi potrà vincere una copia in edizione speciale fuori commercio il 4 Settembre con la dedica dell'autrice! 
Continuate a leggere tutto il post per scoprire come partecipare!

0 commenti:

#aspettandoisoladineve,

#aspettandoisoladineve - terza giornata

mercoledì, agosto 29, 2018 Baba_Books Desperate Bookswife 0 Comments


Ciao a tutti!
Eccoci alla terza giornata di #aspettandoisoladineve
A partire dal 27 agosto per cinque giorni potrete trovare nei nostri blog dei post dedicati ai libri di Valentina D'urbano e provare a portarvi a casa in anteprima assoluta una copia del nuovo attesissimo romanzo, Isola di Neve, in libreria dal 13 settembre
Un/a fortunato/a tra voi potrà vincere una copia in edizione speciale limitata fuori commercio il 4 Settembre con la dedica dell'autrice! 
Continuate a leggere tutto il post per scoprire come partecipare!

0 commenti:

#aspettandoisoladineve,

#aspettandoisoladineve - seconda giornata

martedì, agosto 28, 2018 Baba_Books Desperate Bookswife 0 Comments


Buongiorno!
Eccoci alla seconda giornata di #aspettandoisoladineve
A partire dal 27 agosto per cinque giorni potrete trovare nei nostri blog dei post dedicati ai libri di Valentina D'urbano e provare a portarvi a casa in anteprima assoluta una copia del nuovo attesissimo romanzo, Isola di Neve, in libreria dal 13 settembre
Un/a fortunato/a tra voi potrà vincere una copia in edizione speciale fuori commercio il 4 Settembre con la dedica dell'autrice! 
Continuate a leggere tutto il post per scoprire come partecipare!

0 commenti:

#aspettandoisoladineve,

#aspettandoisoladineve - prima giornata

lunedì, agosto 27, 2018 Baba_Books Desperate Bookswife 0 Comments


Buongiorno!
Finalmente eccoci arrivati al momento tanto atteso, la prima giornata di #aspettandoisoladineve
A partire da oggi, per i prossimi cinque giorni potrete trovare nei nostri blog dei post dedicati ai libri di Valentina D'urbano e provare a portarvi a casa in anteprima assoluta una copia del nuovo attesissimo romanzo, Isola di Neve, in libreria dal 13 settembre
Un/a fortunato/a tra voi potrà vincere una copia in edizione speciale fuori commercio il 4 Settembre con la dedica dell'autrice! 
Continuate a leggere tutto il post per scoprire come partecipare!

IL ROMANZO

Titolo: Il rumore dei tuoi passi
Autrice: Valentina D'Urbano
Editore: Longanesi
Data di uscita: 10 maggio 2012
Genere: Narrativa Contemporanea
Pagine: 312
Prezzo cartaceo: 10,00€ edizione tascabile
Prezzo ebook: 6,99€


In un luogo fatto di polvere, dove ogni cosa ha un soprannome, dove il quartiere in cui sono nati e cresciuti è chiamato «la Fortezza», Beatrice e Alfredo sono per tutti «i gemelli». I due però non hanno in comune il sangue, ma qualcosa di più profondo. A legarli è un'amicizia ruvida come l'intonaco sbrecciato dei palazzi in cui abitano, nata quando erano bambini e sopravvissuta a tutto ciò che di oscuro la vita può regalare. Un'amicizia che cresce con loro fino a diventare un amore selvaggio, graffiante come vetro spezzato, delicato e luminoso come un girasole. Un amore nato nonostante tutto e tutti, nonostante loro stessi per primi. Ma alle soglie dei vent'anni, la voce di Beatrice è stanca e strozzata. E il cuore fragile di Alfredo ha perso i suoi colori. Perché tutto sta per cambiare. Un romanzo d'esordio intenso e bruciante. Una voce narrante che rimarrà a lungo nella mente e nel cuore dei lettori.


Come dimenticare il primo romanzo di 
Valentina D'Urbano? Impossibile. 
“Ci saranno tante cose a cui dovrò abituarmi, e ce ne saranno altrettante di cui dovrò fare a meno... La luce azzurrina delle terrazze dove non batte mai il sole...Il tramonto riflesso sulle schegge di bottiglie rotte sull'asfalto, che brillano come diamanti. I fari nella notte...Il rumore dei tuoi passi, il tuo odore che svanisce sul cuscino, la luce del giorno in cui mi hai lasciato sola.” 
 “Non ho fatto altro che amarti per tutto questo tempo, ogni secondo, ogni momento della tua vita, e anche dopo ho amato tutto, e ci vuole coraggio ad amare uno come te.” 
Voi quale frase ricordate di più?
 Scrivetecelo in un commento.


🔴 VUOI PARTECIPARE E PROVARE A VINCERE LA COPIA CON LA DEDICA DELL'AUTRICE IN ANTEPRIMA?  ⏬

REGOLAMENTO: 

1. ISCRIZIONE AI NOSTRI BLOG 
Per raggiungerli vi basterà cliccare sul nome del blog: 

2. LIKE ALLE PAGINE FACEBOOK:  LONGANESI - VALENTINA D'URBANO

3. COMMENTA L'EVENTO FACEBOOK LASCIANDO IL TUO INDIRIZZO EMAIL, Clicca qui per andare nell'evento. 

4. CONDIVIDI L'EVENTO PUBBLICAMENTE TAGGANDO ALMENO 5 AMICI 

5. AMI FOTOGRAFARE? Vuoi avere più possibilità di vincere?? Perfetto, puoi pubblicare una foto del tuo romanzo preferito di Valentina o la foto della persona/animale/luogo/oggetto che ami di più . Potete condividerne una al giorno dal 27 agosto al 3 settembre alle ore 13.00 mettendo gli hashtag #aspettandoisoladineve #longanesi #valentinadurbano 

Importante: 
I numeri verranno assegnati esclusivamente nell'evento facebook (Siamo tutti in vacanza quindi non preoccupatevi se i numeri verranno assegnati in ritardo, entro la fine dell'evento li avrete tutti.)
UN numero per la pubblicazione del commento con la mail (obbligatorio)
UN numero per ogni screenshot delle foto pubblicate sui social (INSTAGRAM TWITTER E FACEBOOK) complete di hastag.

L'evento chiude alle ore 14.00 del 3 settembre.
Il vincitore verrà annunciato entro la fine della giornata. 

Buona fortuna a tutti! A domani con la seconda giornata di #aspettandoisoladineve

* I tuoi dati verranno utilizzati esclusivamente per poter inviare il premio e gli stessi non verranno conservati o utilizzati per altri usi.

Buona fortuna! 

0 commenti:

#Recensione,

Recensione - Dall'alto della Torre di Maurizio Cocco

sabato, agosto 25, 2018 Baba_Books Desperate Bookswife 0 Comments

Il libro
Dall'alto della Torre di Maurizio Cocco -  illustratore Emiliano Serreli
Editore: Palabanda Edizioni| Pagine: 118| Pubblicazione: maggio 2018 | Prezzo 16,00€| Trama Qui
Genere: ragazzi 9-11
Recensione 


Perchè un bambino dovrebbe sprecare il suo prezioso tempo a chiacchierare con un elefante di pietra? Cosa avrà mai da raccontare un oggetto, seppur antico, proprio perchè OGGETTO? O meglio...STATUA? Che il ragazzino in questione abbia dei problemi di socializzazione? Che sia un bugiardo? Che sia un naufrago del mondo e non trovi un suo spazio nel luogo in cui questo momento vive?
Il ragazzino si chiama Giò, ha tanta fantasia, ma sopratutto è curioso. Questa bellissima caratteristica gli permette di ascoltare, e lo fa senza pregiudizi, senza schemi, perchè sentire racconti gli permette di imparare, di volare con la fantasia. Giò, nonostante venga criticato dalla sua maestra, che non crede ad una parola di quello che va raccontando in classe, è convinto e sicuro della sua amicizia con il mammifero di pietra e non la metterebbe in dubbio per nulla al mondo.
Un libro che insegna ai più piccoli l'importanza dell'ascolto e ci ricorda quanto sia fondamentale per i rapporti umani, ma sopratutto per una qualità della vita migliore. Cocco tocca tematiche interessanti, come il rispetto, la pazienza, la fedeltà, il volersi bene, il saper accettare, il mettere in discussione le proprie idee, il non fermarsi alle apparenze.
Un libro scritto per essere letto dai ragazzini, il carattere è stampato grande e quindi facilmente comprensibile dai bambini più piccoli; i dialoghi sono accattivanti, infatti ogni volta che Giò prendeva la parola mia figlia e la sua amica drizzavano le antenne; l'ambientazione non è così importante, perchè il contenuto la fa da padrone; lo stile è semplice, ma non così tanto, mai banale, io lo considererei fiabesco.
Le illustrazioni sono di Emiliano Serreli e all'interno del romanzo si nascondono diverse tavole in bianco e nero, essenziali ma d'impatto, che rendono appetibile la lettura.
Non necessariamente quello che piace ai bambini riesce a soddisfare l'adulto, in questo caso, io e la mia amica Bruna abbiamo approvato le avventure di Giò, che tanto ha imparato proprio grazie ad un Elefante, fermo da settecento anni sopra al balcone del bambino, ne ha visto di mondo da lassù, ed è pronto a condividerlo con chiunque sappia tendere un orecchio nel modo giusto.
Prendetelo in considerazione, può essere un ottimo regalo e sarebbero sedici euro spesi bene!

Punti forti
- Lo stile: riuscire a raccontare qualcosa di intelligente, che rimanga impresso, scritto in maniera intelligente e che non annoi il lettore più piccolo non è così semplice. Le mie ascoltatrici hanno sei anni e hanno ascoltato con piacere questa storia di amicizia e lealtà.

0 commenti:

#Nadia,

Nadia Around the World #1 - Le spiagge di Tenerife

giovedì, agosto 23, 2018 Baba_Books Desperate Bookswife 11 Comments

Buongiorno lettori! Oggi Nadia parte con una nuova rubrica grazie alla quale condividerà insieme a noi i suoi viaggi. Nadia ha la fortuna di girare spesso intorno al mondo, così le ho chiesto di scrivere le sue avventure e abbinarle alle letture, poichè la fanciulla un libro in mano ce lo ha sempre! Pronti?

Ciao a tutti lettrici e lettori, avete trascorso delle piacevoli vacanze? Siete ancora in giro per il mondo? Io vi sto scrivendo sul volo Ryanair che mi riporta a casa da Tenerife, che io e il mio compagno Marco abbiamo girato in lungo e in largo durante le nostre vacanze. Questo comunque non mi ha impedito di leggere tutti e cinque i libri che mi ero portata da casa, anzi: presa dalla più grande paura di noi lettori, ovvero non avere nulla da leggere, sono andata a cercare una libreria che vendesse libri usati in lingua italiana e ne ho comprato uno... Così, giusto per riserva... Non si sa mai, no?
I libri che mi ero portata da casa sono questi:
A bocce ferme di Marco Malvaldi. Malvaldi e i suoi arzilli vecchietti del BarLume non mi deludono mai. In questo episodio sono alle prese con un vero e proprio “cold case”: riusciranno a svelare il mistero anche stavolta? Oltre al giallo ho apprezzato anche la scelta dell’autore di dare più spazio alle vicende personali di Massimo, e sono già ansiosa di sapere come si evolverà la storia sua e di Alice. 
Artemis di Andy Weir. Come il precedente "L'uomo di Marte" anche questa seconda fatica di Weir si ambienta nello spazio, più precisamente sulla Luna. La protagonista stavolta è però una ragazza, e si può dire che l'autore abbia un po' accantonato le spiegazioni scientifiche che caratterizzavano il suo primo romanzo (anche qui ci sono, ma sono meno incisive e convincenti) per dar vita a un'avventura piuttosto inverosimile e dal finale improbabile. Si legge bene, ma non è un capolavoro. Weir mi ha fatto comunque compagnia insieme a Malvaldi sulle spiagge del sud di Tenerife; 
Playa de Torviscas
Playa del Bobo
Playa de las Vistas
i primi giorni avevamo bisogno di relax e abbiamo visto Playa de Torviscas, Playa del Bobo, Playa de las Vistas e Playa de los Cristianos. Invece quella che credevamo essere la più grande, playa de las Americas, si è rivelata un buon approdo per i surfisti e nulla di più.

L'angelo di neve, di Ragnar Jonasson. Prima avventura per il giovane poliziotto Are Thor, questo
romanzo mi ha entusiasmato più per le atmosfere islandesi ricreate magistralmente che per l'impianto poliziesco vero e proprio. L'autore scrive comunque piacevolmente e credo che continuerò la serie. Are Thor mi ha accompagnato al nord, nelle giornate alle piscine di acqua marina del Parque Maritimo e al Palmetum di Santa Cruz de Tenerife. Santa Cruz, capitale dell'isola, è una cittadina piacevole e moderna, ma decisamente meno turistica del sud: per farvi un'idea pochissimi parlano inglese e tantissimi negozi e ristoranti sono chiusi la domenica. 


Villa triste di Patrick Modiano. Il viaggio al nord è proseguito con questo romanzo del premio
Nobel francese, che purtroppo mi ha deluso tantissimo. Sicuramente sono io che non ho colto qualcosa, ma ho trovato Villa triste noiosissimo. Scritto senza mordente, si è trascinato fino alla fine (per fortuna erano poche pagine!). La descrizione di una borghesia decadente e annoiata, impegnata a vivere un'estate futile rifuggendo gli orrori della guerra in Algeria, incombente come una cappa sul protagonista, mi ha lasciata del tutto indifferente. Per fortuna ho compensato con le viuzze di San Cristobal de la Laguna, patrimonio UNESCO, e con i paesaggi più selvaggi di Puerto de la Cruz (che fantasia questi spagnoli!). La più importante cittadina a nord dell’isola ci è piaciuta molto, anche se, come potete vedere dalla foto, il tempo non era dei più clementi!

Figlie del mare di Mary Lynn Bracht. Questo romanzo –che racconta una terribile pagina della
storia coreana, quella delle comfort women- era nella mia lista di libri da leggere da parecchio, ma sono contenta di averlo portato in vacanza perché leggerlo durante l’anno mi avrebbe massacrato per la sua durezza. Mi è piaciuto molto, si divora, ma è veramente crudo e con poca, pochissima speranza (e quella che c’è, a mio parere è molto inverosimile). Quello che mi sarebbe piaciuto trovare è un maggior approfondimento storico, che non c’è stato (volutamente secondo la Bracht) e che avrebbe reso il romanzo davvero indimenticabile. Ho intenzione comunque di leggere qualcosa della nutrita biografia che la Bracht segnala in appendice, per saperne di più. La Bracht l’ho divorata in due giorni, dopodiché abbiamo lasciato gli ultimi due per il gran finale: escursioni al Teide, il famoso vulcano di Tenerife e il monte più alto di Spagna con i suoi 3718 metri, e i villaggi di Garachico e Masca, e La Gomera (FOTO), isola selvaggia e verdissima, i cui abitanti comunicano con fischi che possono riprodurre foneticamente qualsiasi lingua (abbiamo assistito a una dimostrazione e ci siamo giocati i timpani per una mezz’oretta!)



Ecco allora i libri che mi hanno fatto compagnia in queste tre settimane a Tenerife;
il libro che ho comprato di seconda mano è Artico, di James Rollins. Purtroppo non era in buone condizioni ma costava solo tre euro e la trama mi ha ricordato i libri di avventura di Clive Cussler che tanto amavo da adolescente. L’ho appena cominciato ma per il momento promette bene! Spero che questo post un po’ strano, un misto di lettura e viaggi, vi sia piaciuto… mi piacerebbe sapere come stanno trascorrendo le vostre vacanze, dove siete o siete stati e quali libri vi siete portati a farvi compagnia!




11 commenti:

#Recensione,

Recensione - Non è detto che mi manchi di Bianca Marconero

sabato, agosto 11, 2018 Baba_Books Desperate Bookswife 4 Comments

Il libro
Non è detto che mi manchi di Bianca Marconero
Editore: Newton Compton Editori| Pagine: 352| Pubblicazione: luglio 2018 | Prezzo 9,90€| Trama Qui
Genere: romantico
Notizie sull'autrice
Bianca Marconero
È lo pseudonimo di una scrittrice di Reggio Emilia. Ha lavorato come redattrice per periodici per ragazzi e poi è approdata alla scrittura creativa. Già autrice di una saga fantasy, con la Newton Compton ha pubblicato La prima cosa bella, L’ultima notte al mondo, Ed ero contentissimo, Un altro giorno ancora e Non è detto che mi manchi.
Recensione 
e mezzo

Siamo a Milano e ci sono quattro tizi che si inseguono: Alessandro corre dietro ad Alice che sbava per Pietro che a sua volta è innamorato di Gaia. Poi arriva Emilia. Fermi fermi stop, facciamo un passo indietro, respiriamo e ricominciamo.
Pietro Foscarini, per gli amici Fosco, è un super informatico nerd, bello come la notte d'estate, inconsapevole come il più tremendo degli ingenui. Una famiglia famosa alle spalle, una laurea in ingegneria informatica e un lavoro da redattore in una rivista di videogame. Fosco non ha grandi ambizioni, se non quella di rendere felice la sua compagna, la perfida Gaia.
Emilia è una star dei social, ha solo ventuno anni, di una bellezza prorompente, un pio di tette da far impallidire il latin lover più esperto e una malizia sprigionata senza remore. Questa donzella da infarto si trasferisce a Milano per tre mesi poichè è stata ingaggiata per una rubrica settimanale all'interno di una rivista per teenagers.
Dovete sapere che a Milano c'è un palazzo di dieci piani all'interno del quale sono contenute moltissime redazioni. Ogni piano è dedicato ad una rivista. Il proprietario è uno solo, Alessandro, il Golden Boy milanese, lo scapolo lombardo più ambito dalle modelle e attrici italiane. Sì, avete intuito bene, la rivista più amata dei nerd abita nello stesso palazzo di quella realizzata per le fungirl. E quindi? Disastro! Perchè l'informatico che vive su di una nuvola di zucchero filato incontrerà la ragazza più googlata e non mancheranno gli equivoci e le figure di cioccolata!
In questa divertente commedia si alternano i punti di vista di Fosco e di Emilia, i due protagonisti indiscussi del romanzo. La Marconero non inserisce mai troppi personaggi, ma quelli ai quali affida un ruolo sono indispensabili. C'è Alessandro, il proprietario di tutta la baracca, cugino di Fosco e anche suo migliore amico. Questo ragazzo mi ha fatto sorridere ripetute volte, i siparietti insieme ad Alice sono unici. Quest'ultima lavora per la rivista LollyPop, da tre anni migliore amica di Fosco e forse anche sua fan; per tre mesi deve dirigere i lavori che vedono Emilia come indiscussa protagonista. Gaia, perfida, arrivista, manipolatrice,  falsa e arrogante fidanzata di Fosco; non mancheranno le sue sorprese, fino alla fine.
Questo romanzo non può non far venire gli occhi a cuore. Punto. Fatevene una ragione. Ma non è così semplice da spiegare, comunque ci provo.
Innanzi tutto le capacità comunicative dell'autrice sono formidabili, a partire dalla facilità con la quale costruisce e struttura i periodi. Questo libro - come tutti gli altri che ho letto fino ad ora firmati Marconero - è bello da leggere perchè leggero, divertente, romantico, irriverente ma scritto con cura. Le descrizioni sono esaustive, l'ambientazione curata, lo stile è ricco e colto nonostante sia di semplice lettura e i personaggi...quelli sono proprio il suo forte. Loro si prendono lo spazio, riempiono il palco e catturano tutta la luce, ad un certo punto non importa più nulla, basta che non smettano di parlare; e per fortuna Bianca ci accontenta e con le sue 352 pagine non ci fa mancare proprio niente (anche se...lei lo deve sapere, io voglio conoscere quello che succederà, e se succederà, tra Alessandro e Alice).
Volete un libro che vi tenga inchiodati alla poltrona? Avete bisogno di evadere pensando ad un ragazzo dai pettorali da rivista e gli occhi blu come l'oceano? Oppure ad una tizia che scalda il bassoventre anche solo pronunciando le due parole "Nove bit"? Volete ridere ( io l'ho fatto da sola almeno quattro volte) grazie ai siparietti recitati da questi ineguagliabili personaggi? E la storia d'amore?  Ma sopratutto, oltre a tutte queste bellissime cose, non desiderate un libro qualitativamente valido? Allora andate, la strada la conoscete, perchè "Non è detto che mi manchi" vi aspetta in libreria. Siete ancora in tempo prima di partire per le ferie!
Punti forti
- I personaggi. Ancora una volta l'autrice ci incanta grazie a delle persone che non esistono purtroppo, ma sembrano vere. Ho terminato il libro ed è stato come spegnere il televisore al termine di una serie Tv strepitosa: io quelli lì li conoscooooooooo, uscite fuori che voglio andare cena insieme a voi! In quel ristorante, quello in galleria!
- Lo stile e l'ironia non mancano nemmeno questa volta, come non mancano nuovamente le bugie, sempre in agguato nei romanzi di Bianca.
- L'ho scritto e lo ripeto: io voglio una storia tutta di Alice (che adoro) e Alessandro. 

4 commenti:

#aspettandoisoladineve,

#ASPETTANDOISOLADINEVE - Anteprima

mercoledì, agosto 01, 2018 Baba_Books Desperate Bookswife 0 Comments


Avete letto tutti i libri di Valentina D'ubano e non vedete l'ora di leggere Isola di Neve ma non riuscite ad aspettare il 13 settembre? Ecco una sorpresa per voi! 

Seguendo l'evento #aspettandoisoladineve un fortunato lettore potrà portarsi a casa la copia del libro in super anteprima. 

Ora non possiamo dirvi altro, seguiteci nei nostri social per restare aggiornati e condividete questo post ovunque utilizzando l'hashtag #aspettandoisoladineve 


Inizia a iscriverti ai lettori fissi dei nostri blog, per raggiungerli vi basterà cliccare sul nome: 

Attiva le notifiche delle nostre pagine facebook per non perderti questa favolosa opportunità. 

TRA POCHISSIMO SCOPRIRETE 
COME PARTECIPARE, PER ORA:

- CONDIVIDETE QUESTO POST
- ISCRIVETEVI AI BLOG 
- SEGUITECI SU FACEBOOK

0 commenti:

#challenge,

Visual Challenge - Sfida di lettura 2018 - Tappa 8 - AGOSTO

mercoledì, agosto 01, 2018 Baba_Books Desperate Bookswife 3 Comments

Ciao amici lettori, come state? Primo agosto, mese in cui Dany entra negli anta... auguri sorella!!!! Ma torniamo a noi.
Pronti per la nuova fotografia? Prima permettetemi come sempre un piccolo riepilogo.



LA SFIDA

La sfida durerà un anno e sarà divisa in 12 tappe della durata di un mese ciascuna. Il primo di gni mese pubblicheremo un post in cui troverete una fotografia scattata da noi che conterrà svariati oggetti. Voi potrete leggere in un mese massimo 5 libri che abbiano raffigurato sulla copertina uno degli oggetti contenuti all'interno della nostra fotografia. Se il libro da voi scelto dovesse contenere più di un oggetto di quelli raffigurati nella foto della tappa, vi verrà in ogni caso conteggiato un punto.
Ogni mese potrete decidere di leggere da zero a cinque libri, ma potrete anche decidere di non leggere nulla il mese in corso e poi magari recuperare nei mesi successivi i libri corrispondenti alle immagini delle tappe precedenti. Potrete quindi partecipare a qualsiasi tappa anche se non avrete letto libri per le tappe precedenti.
Per dimostrare di aver letto i libri dovrete caricare, nel format che troverete alla fine di questo post, il link che rimanderà alla vostra recensione. Le recensioni potranno essere postate sul vostro blog (se ne avete uno) o su una qualsiasi piattaforma online (amazon, facebook, goodreads, anobii, ecc.) da cui potrete prendere un link e inviarcelo. Non valgono recensioni inviate via mail.




PUNTEGGIO:
Per ogni libro letto e recensito entro la fine della tappa corrente: 1 PUNTO

Per ogni libro letto e recensito al di fuori dei tempi della tappa: 1/2 PUNTO

Ovviamente farà fede la data e l'orario di invio che sarà presente nel format. Se il link arriverà dopo la mezzanotte dell'ultimo giorno del mese sarà in automaticamente conteggiato mezzo punto, quindi prestate molta attenzione agli orari! 
Tenete sempre d'occhio i nostri blog perchè abbiamo pensato di aggiungere dei giochini bonus che potrebbero esservi utili per riuscire a raccimolare qualche punto in più!

PREMI:
Alla fine della Challenge i partecipanti saranno divisi in quattro fasce:

Prima fascia: chi avrà totalizzato da 51 in su
Seconda fascia: chi avrà totalizzato da 41 a 50 punti compresi
Terza fascia: chi avrà totalizzato da 31 a 40 punti compresi
Quarta fascia: chi avrà totalizzato da 12 a 30 punti compresi

Per ognuna delle quattro fasce sarà estratto un vincitore attraverso il sito Random

Vincitore prima fascia: Buono amazon di € 20.00
Vincitore seconda fascia: Un cartaceo a nostra scelta
Vincitore terza fascia: Mistery box contenente articoli di cancelleria
Vincitore quarta fascia: Piccolo premio di consolazione

Durante lo svolgimento della Challenge potrebbero essere premiati con piccoli omaggi alcuni partecipanti che, a nostro insindacabile giudizio, si saranno distinti nel corso del gioco. Ma non ci sarà una regola fissa per questo. Lo scoprirete unicamente giocando.

REGOLE PER PARTECIPARE

Obbligatorie:
  • Essere lettori fissi dei blog - basterà cliccare segui nel box apposito che trovate nei nostri blog (comunicateci se vi iscrivete con un nome diverso a quello che utilizzate per i commenti qui sul blog)
  • Commentare questo post (qui o su Desperate Bookswife) comunicandoci la vostra intenzione a partecipare e una vostra mail su cui inviarvi le comunicazioni relative alla challenge.
  • Avere voglia di divertirvi
LA FOTO DEL MESE




Qualche precisazione:
    - la scarpa vale solo ed esclusivamente con il tacco.

    - la banana vale solo in quanto banana e non come frutta generica.


    - il motorino vale sia come motorino che come moto.

    - Frozen vale solo ed esclusivamente come ghiaccio.

        RICAPITOLANDO:

        - nel format inserite il mese giusto, altrimenti noi organizzatrici potremmo andare in confusione

        - potete leggere ancora i libri della scorsa tappa, inseriteli indicando il mese di appartenenza corretto, varranno però 1/2 punto

        - importante: NON BASTANO 20 PAROLE PER DESCRIVERE IL LIBRO, QUESTO MESE SAREMO PIU' INTRANSIGENTI. Almeno qualche riga, dobbiamo capire che avete letto il libro in questione, per correttezza verso gli altri partecipanti.

        Vi ricordiamo che potete controllare il vostro punteggio sul file drive qui e che è attivo il gruppo facebook della challenge cui si può richiedere l'iscrizione qui (non è obbligatorio).

        Ecco il format dove dovrete inserire i link. Vi chiediamo di prestare attenzione alla correttezza dei dati. Se inserite un link che rimandi a Goodreads o Anobii inserite quello che riporta alla vostra recensione specifica e non al libro generico. Se avete bisogno di aiuto non esitate a chiedere!



        Ovviamente le nostre mail sono sempre a vostra disposizione per qualsiasi dubbio, chiarimento, necessità voi abbiate ed anche solo per fare quattro chiacchiere con noi!!!
        Ci trovate qui:

        DANY

        BABA

        A presto!

        3 commenti: