Recensione - La ragazza del Kyushu di Matsumoto Seicho


Fonte Google
Il libro
La ragazza del Kyushu di Matsumoto Seicho
Editore: Adelphi| Pagine: 209| Pubblicazione: 1960| Prezzo 18,00€| Trama:Qui
Genere: poliziesco
Notizie sull'autore
Seicho Matsumoto (1909-1992) è stato un giornalista e scrittore giapponese. Autore molto conosciuto in patria e vincitore del premio Akutagawa nel 1953, ha scritto oltre 300 romanzi e diversi racconti.
Da alcuni definito il “Simenon giapponese” è stato pubblicato per tre volte nel Giallo Mondadori: La Morte è in Orario del 1957 è l’opera più conosciuta, seguita da Come sabbia tra le dita del 1961 e Il palazzo dei matrimoni del 1998. Le tematiche dei suoi gialli affondano spesso le radici nei problemi sociali giapponesi, il tutto unito ad una predilezione per l'indagine strettamente logica ed intuitiva. Nel 2018 Adelphi ha pubblicato Tokyo Express, apparso nell'edizione originale nel 1958, da cui è stato tratto nel 2007 il film Ten to sen, con Takeshi Kitano.
Recensione
e mezzo

PERCHÈ HO SCELTO DI LEGGERLO?
Ero in treno, tratta Lisbona - Cascais. Mi stavo annoiando parecchio e avevo l'ansia di non scendere alla giusta fermata. L'unico cartaceo che avevo portato in vacanza lo avevo terminato qualche giorno prima e così...santo Kobo. Ahimè il buio. Nessuna ispirazione. Quale cavolo di libro inizio? Il motivo per il quale abbia iniziato questo titolo non lo so nemmeno io, considerando che io e gli autori orientali non andiamo così tanto d'accordo...ma alla fine l'ho portato a termine.
SCARABOCCHIO
Questa è la storia di Kiriko, una giovane donna orfana che nella vita fa la dattilografa e che vive insieme al fratello, maestro di scuola. Dopo la morte dei genitori il primogenito ha terminato gli studi e si è preso curo della sorella, garantendole sicurezza e affetto. Fino a quando un giorno Kiriko non è costretta ad attraversare il Giappone per andare a Tokyo alla ricerca del più bravo e famoso penalista del paese: suo fratello è stato accusato di omicidio e lei è certa che sia innocente. 
Non posso negare che lo stile orientale sia sempre abbastanza freddo e distante ma devo ammettere che questo noir mi ha proprio coinvolta, magari non emotivamente ma dal punto di vista psicologico-investigativo. L'autore mostra al mondo quanto la determinazione possa essere grande e spostare le montagne, dimostra come una giovane donna apparentemente fragile e innocente sappia muoversi nel mondo e riesca ad ottenere ciò che le serve. Kiriko riesce a scavare nell'animo umano, riesce a destare curiosità, si mette in gioco e si adatta. Lei non dimentica e se è certa di una cosa...preparatevi perché niente potrà fermarla, anche quando sembra apparentemente assopita. 
Una storia che mi ha convinta, che mi ha stupita, che magari non mi avrà lasciato con il fiato sospeso ma che mi ha spiazzata, sopratutto alla fine, con il suo epilogo assolutamente geniale. Le indagini sono pulite, ben delineate e approfondite, quasi ci trovassimo di fronte ai veri faldoni della polizia e il lettore è costretto a pensare e a ipotizzare. Chi avrà ucciso la signora scorbutica trovata morta nel suo appartamento e ritrovata il giorno seguente dalla nuora? Il caro ed educato maestro? Insomma duecentonove pagine che ho letto con piacere, scoprendo un autore molto famoso che a me era ignoto.
PERCHÈ LEGGERLO
- Se amate il genere noir non potete lasciarvi scappare questo libricino così intenso. 
- Le indagini sono particolareggiate, la scrittura è molto scorrevole e piacevole, la storia è accattivante. 
- A mio avviso, anche solo il finale merita la lettura del libro.

Keep Calm and Read Nadia #96 - Bolle di Sapone di Marco Malvaldi

Carissimi lettori, dopo la pausa dettata dalle vacanze goderecce Nadia è tornata alla grande. Col Malvaldi, mica bruscolini...


Buongiorno lettrici e lettori!

Come state? Avete ancora i benefici delle vacanze o, come me, siete già di nuovo stufi di lavorare? Meno male che ci sono i libri che riescono a distrarci dal tran tran quotidiano! Oggi voglio raccontarvi di un romanzo appena uscito, uno di quelli che aspetto sempre con trepidazione perché è scritto da uno dei miei autori-coccola, quelli che acquisti a scatola chiusa perché tanto sai che non ti deluderanno. Sto parlando di Bolle di sapone, di Marco Malvaldi.

Fonte Google

Finalmente, dopo qualche anno, qualche autoconclusivo e un altro giallo con protagonista Pellegrino Artusi dopo Odore di chiuso, il Malvaldi torna a Pineta dagli amati vecchietti del Bar Lume, e lo fa con un romanzo ambientato in tempi di lockdown. Sì, perché siamo nel 2020, anche a Pineta è arrivato il Covid e inoltre nonno Ampelio è in ospedale con un femore rotto. Alice è rimasta bloccata in Calabria, dove era andata per un corso di aggiornamento; Massimo e Tiziana devono ingegnarsi trovando soluzioni da asporto per impedire che il bar fallisca a causa della prolungata chiusura forzata e i nostri vecchietti rischiano seriamente la depressione, non potendo più vedersi tutti i giorni per giocare a carte e a chi spara la corbelleria più grossa.

Meno male che arriva un caso su cui indagare: proprio in Calabria, vicino a dove si trova Alice, si sono verificati un omicidio e una morte sospetta. Geneticamente incapaci di farsi i fatti propri, i vecchietti emergono dalla letargia e si mettono in testa di aiutare Alice a risolvere il caso…

Ho divorato questo romanzo come se fosse un bicchiere della mia amata acqua frizzante, uno dei pochi guilty pleasure che mi sono rimasti. Malvaldi fotografa benissimo il clima psicologico presente in Italia l’anno scorso, durante quei mesi assurdi e quasi distopici in cui non avremmo mai pensato ci saremmo trovati. Il senso di isolamento, lo sfogo in cucina per molte persone che si sono trovate forzatamente chiuse in casa senza far nulla, l’impotenza di medici e infermieri non solo di fronte al Covid, ma anche alla burocrazia e alla politica in ospedale, le enormi difficoltà in cui si sono trovati baristi e ristoratori nel mantenere in piedi la propria attività, costretti a inventarsi nuove formulazioni per l’asporto e nuove ricette per ingolosire il cliente annoiato.

Anche la parte gialla è frizzantina al punto giusto, con un colpo di scena a mio parere perfettamente studiato, anche se questa volta più di altre, giustamente, la vita dei protagonisti la fa da padrona, con una notizia che presumibilmente allungherà ancora la serie.

In conclusione, una piacevole conferma per tutti coloro che amano Malvaldi; a chi ancora non lo conosce suggerisco di cominciare assolutamente dalla serie del Bar Lume, e quindi da La briscola in cinque.

Recensione - Pomodori verdi fritti al caffè di Whistle Stop di Fannie Flagg

 

Desperate Bookswife

Il libro
Pomodori verdi fritti al caffè di Whistle Stop di Fannie Flagg
Editore: Best Bur| Pagine: 363| Pubblicazione: 1992| Prezzo 10,00€| Trama:Qui
Genere: narrativa
Notizie sull'autrice
Fannie Flagg - pesudonimo di Patricia Neal - ha lavorato come attrice e sceneggiatrice televisiva, cinematografica e teatrale.Deve la sua popolarità al romanzo Pomodori verdi fritti al caffè di Whistle Stop, un bestseller internazionale da cui è stato tratto un film di grande successo nel 1991- Pomodori verdi fritti alla fermata del treno - premiato con una nomination all'Oscar per la migliore sceneggiatura non originale, cui lei stessa ha collaborato.Tra i suoi libri (pubblicati da Rizzoli e BUR), ricordiamo Torta al caramello in Paradiso e Voli acrobatici e pattini a rotelle a Wink’s Phillips Station.
Recensione

STORIA DELLA MIA COPIA
Dopo aver letto "Torta al caramello in paradiso" nel 2012 ho compreso che questa autrice sarebbe rimasta nella mia vita. Ho capito che il suo modo di raccontare storie era ciò che mi serviva per essere felice (parlo da lettrice ovviamente). Da quel momento ho collezionato ogni suo libro e ho letto poco alla volta alcuni suoi romanzi, centellinandoli per non farli finire. E' qualche tempo che insieme ad una cara persona devo guardare la trasposizione cinematografica di questo libro considerato un piccolo capolavoro e mi sono sempre ripromessa di farlo dopo la lettura del romanzo. Ho tergiversato ma poi il suo momento è arrivato proprio durante la mia vacanza portoghese. 
SCARABOCCHIO
Il 12 giugno 1929 a Whistle Stop apre un nuovo caffè e per la piccola cittadina è una novità ma anche una grande festa. Coloro che gestiscono questo posto sono due amiche, Idgie e Ruth, che proprio grazie alle loro caratteristiche differenti rendono questo luogo accogliente e speciale.
Nel 1985, all'interno di una casa di riposo di Birmingham, Evelyn, una signora sovrappeso in procinto di andare in menopausa incontra la signora Threadgoode, una anziana ospite della struttura. Le due donne inaspettatamente iniziano a parlare, la prima perchè scappa dalla suocera lamentosa ricoverata qualche stanza più in là mentre la seconda perché ha bisogno di qualcuno con cui fare amicizia. Da questo momento la signora Threadgoode ripercorre la vita di Whistle Stop, dei suoi abitanti e sopratutto del magico caffè che ha ospitato tante persone, ma sopratutto è stato un luogo sicuro per coloro che necessitavano di aiuto in un momento storico in cui i "negri" non avevano gli stessi diritti dei "bianchi". 
Tante storie che formano un unico romanzo meraviglioso, che parla di amore verso altri esseri umani, amore tra uomo e donna, amore tra madre e figlio, amore tra donna e donna, amore tra zia d'acquisto e nipote. Perché l'amore è universale, non c'è molto altro da aggiungere e come sa scriverne la nostra cara Flagg, beh questo è ancora un altro argomento. 
Ho fatto mio questo libro perché ancora una volta mi sono trovata tra le mani parole dolci, frasi che coccolano ma che tagliano senza impietosire. Storie dure, cattive eppure così vere, scritte con passione, tenerezza e competenza da una donna che tra le tante cose che ha fatto nella sua vita ha deciso di dare alla scrittura un ruolo molto importante. Pomodori verdi fritti forse non è il romanzo che ho amato di più, credo che "Il pettirosso e la bambina" sia il mio preferito, ma indubbiamente mi ha lasciato più dolore addosso di tutti. Non pensate male, è positivo, perché fa riflettere sulla condizione umana, sui sentimenti, sul modo di trasmettere qualcosa alle persone che ci circondano, sulla bellezza della vita oppure sulla sua difficoltà. Un romanzo che resterà nella mia anima e che custodirò gelosamente, curiosa di leggere il seguito uscito da poche settimane dopo più di trent'anni da questo. Se lo avete letto confermerete quanto sia attuale e non "appassito", ma anzi porta freschezza pur non essendo leggero. 
Se per qualche motivo invece non conoscete i libri di questa autrice, beh allora dovete assolutamente rimediare.
PERCHÈ LEGGERLO
- Se ami chi riesce a trasformare storie pesanti o che comunque trattano argomenti difficili o di attualità, in romanzi scorrevoli e apparentemente leggeri questo libro fa per te. 
- La scrittura della Flagg è ricca, coccolosa, e i suoi personaggi sembrano amici di una vita raccontati dalla voce della nonna. 
- Un libro bellissimo che parla di diversità, di amore in senso lato, di razzismo, di diritti umani. 
- Ancora una volta la figura della persona anziana è fondamentale. Una caratteristica di questa autrice. 

E voi cosa ne pensate? Sono riuscita a incuriosirvi? Oppure la pensate in maniera differente? Aspetto i vostri commenti. 

Super Lettori All'Arrembaggio - Tappa 9 - Settembre

Carissimi equipaggi, ci siamo imbarcati senza possibilità di ritorno e siamo già alla nona tappa! Spero stiate facendo il vostro lavoro con cura, sapete ormai quanto sia spietato il mostro e quanti agguerriti gli altri vascelli. Bando alle ciance, Qui potrete trovare il post dove viene spiegata a grosso modo la sfida nel caso abbiate qualche dubbio o non ricordiate più le regole QUI

COME SI GIOCA?

Le tappe sono mensili, quindi dodici tappe in un anno. 


Ogni mese vi daremo 6 obiettivi e una mappa. Ogni libro che leggerete vi farà accumulare punti (1 punti ogni 10 pagine) e il vostro punteggio sarà sommato a quello di tutti i componenti del vascello. QUINDI CI SARA' UN PUNTEGGIO UNICO DEL VASCELLO, NON PERSONALE. 

Ecco gli obiettivi di questo mese, che potrete usarli tutti, uno, due, tre...insomma senza vincoli. Potrete anche leggere 20 libri in un mese seguendo sempre lo stesso obiettivo. 

1. Il pirata Barbanera ha nel suo nome un colore, leggi un libro che abbia un colore nel titolo o nel nome/cognome dell'autore. Esempio: Rosa Ventrella o Jhon Green (autori) vanno bene. Rosso Instanbul o Red - Blue - Green (titoli) vanno bene.

2. Il 19 settembre è la giornata mondiale del PARLARE COME UN PIRATA. La giornata è stata creata il 6 giugno del 1995 da Ol'Chumbucket, Jhon Baur, Cap'n Slappy, Mark Summers, mentre stavano giocando a una partita di Squash. Leggi un libro che abbia nella quarta di copertina uno sportivo o uno sport (nome e cognome di uno sportivo o nome generico dello sport praticato) Esempio..."il giocatore di tennis...bla bla bla" è sufficiente per essere dato valido. No gente che gioca la partitella a calcetto con gli amici, deve essere uno sport fatto come sport e non passatempo. 

3. La pirateria è un'attività illegale che si perpetra tra i mari: leggi un libro nella cui QUARTA DI COPERTINA o nel cui TITOLO/SOTTOTITOLO sia presente un'azione o un soggetto che compia un'azione illegale (assassinio, rapina, stupro, rapimento, frode, prostituzione etc.). Ad esempio, "Morte" non va bene, a meno che non sia specificato nella sinossi che di omicidio si tratta. 

4. Un gran numero di pellicole ha avuto per protagonisti o antagonisti Pirati, Corsari, Bucanieri e filibustieri. Leggi un libro da cui sia stato tratto un film o che abbia come protagonista un'attrice o un attore.

5. I pirati di una stessa nave sono uniti dallo stesso colore di una bandiera. Leggi un libro il cui titolo e nome dell'autore siano dello stesso colore in copertina.

6. Ogni pirata che si rispetti ha un nome di battaglia, noi questa volta andiamo controcorrente e vogliamo mostrare al mondo i nostri nomi di battesimo. Leggete un libro la cui iniziale del nome dell'autore sia la medesima vostra. In caso di più nomi, tipo la Bandoli che si chiama Barbara Isotta Sofia Linda Maria Romina...non è che potete scegliere! Vale il primo. No pseudonimi tipo Miss Black. Anche se "Falso" deve essere un nome riconosciuto. Elena Ferrante va bene per E, perchè Elena è comunque un nome proprio. 

Passiamo alla mappa. Come abbiamo scritto i vostri singoli punteggi saranno sommati e andranno assegnati al vostro vascello di appartenenza. Quando LA PRIMA NAVE raggiungerà 1200 punti incontrerà il mostro Sonia vi darà del filo da torcere con i suoi soliti grattacapi.

Se non perirete, quando la nave conquisterà 2200 punti sbarcherete sull'isola. (chissà se troverete tesori o un covo di serpenti). 

IL MOSTRO E L'ISOLA DOVRANNO ESSERE RAGGIUNTI 48 ORE PRIMA DEL TERMINE DEL MESE ALTRIMENTI I LORO EFFETTI NON SARANNO CONSIDERATI VALIDI.



Nel frattempo potrete continuare a leggere i vostri libri, questo non ostacolerà le vostre letture.


E cosa facciamo noi TRE? Noi avremo la possibilità di leggere assieme a voi quanti libri vorremo e che si accumuleranno alla fine del mese ai vostri punti totali! Bello eh! 

Ogni mese il vascello che raggiungerà il punteggio più alto vincerà una fiasca di Rum (gli altri acqua salata...) e il punteggio verrà azzerato a tutti per ripartire da zero il mese successivo. Vincerà la sfida finale il vascello più ubriaco (ovvero chi avrà accumulato più fiasche di Rum in dodici mesi). 

Cosa fanno i NOSTROMI? Questa figura l'abbiamo pensata per aiutarci nel lavoro di coordinazione, ci aiuterà a tenere i punti del proprio vascello, ad avvisarci al raggiungimento di un traguardo, insomma coordinerà mozzi e marinai e farà da portavoce. Rappresentanti di classe venite a noi!! Può rimanere sempre lo stesso oppure potrete variare ogni mese, basta che entro un giorno dall'inizio del mese voi lo comunichiate al vostro Capitano. 


COME SI INSERISCONO I PUNTI? DOVE SI MANDANO LE RECENSIONI?

Esiste un Gruppo dedicato alla challenge in cui è OBBLIGATORIO ENTRARE (cliccare QUI per richiedere l'accesso) all'interno del quale inserirete la recensione o il link nel caso la vogliate scrivere altrove e dovrete allegare il titolo, numero di pagine, obiettivo, la foto e tassativamente l'# di appartenenza (#laperlanera #olandesevolante #jollyroger). Ci sarà un foglio Drive di riepilogo con il vostro nome e i punti ottenuti che gestiremo noi. ATTENZIONE IL GRUPPO FACEBOOK PER INSERIRE LE RECENSIONI E' QUELLO GENERALE, LE RECENSIONI SI METTONO Lì, VISIBILI A TUTTI I PARTECIPANTI

COME FACCIO A PARTECIPARE?

- Vi chiediamo di commentare questo post e compilare il format che utilizziamo solo per l'iscrizione QUI. 
- Essere iscritti ai nostri quattro blog: Desperate Bookswife, Il salotto del gatto libraioOmbre di CartaUn libro per amico


Per adesso è tutto, ci ritroviamo in alto mare.