#Recensione,

Recensione - La piccola bottega dei ricordi di A. Corbrion

giovedì, febbraio 23, 2017 Baba_Books Desperate Bookswife 5 Comments

Il libro
La piccola bottega dei ricordi di Annelise Corbrion
Editore: Fabbri Editori | Pagine: 203| Pubblicazione 2013|Prezzo 12,90€| Trama Qui
Genere: Romanzo
               

Notizie sull'autrice

Annelise Corbrion, 27 anni, nel 2012 ha vinto in Francia il premio Fondation Bouygues Telecom-Metro per i Nuovi talenti. Questo è il suo primo romanzo.




Recensione
e 1/2

Chi è Emma? Una giovane donna, per metà bretone e per l'altra inglese, rimasta orfana da pochi mesi. Ha perso entrambi i genitori a causa di un incidente stradale, il fato ha deciso che perdesse gli affetti e tutte le sue sicurezze.
Per fortuna però nella sua vita c'è Lexie, ovvero la migliore amica che si possa desiderare: si conoscono dai tempi della scuola e non si sono più lasciate.
Emma svolge un lavoro molto particolare: restaura fotografie, quindi si impegna perchè i ricordi non si appannino fino a scomparire e lei ci mette tutta la dedizione possibile per non permettere che ciò accada.
Un bel giorno però entra in laboratorio una signora anziana dai capelli color avorio e la pelle segnata dal tempo. Non può permettere che suo marito sbiadisca lentamente, il suo sguardo non può sciogliersi come neve al sole. E' morto da tantissimi anni, non è mai tornato dalla guerra, ma il loro amore è stato talmente grande che Edna ha continuato a vivere nutrendosi di ricordi. E se il marito riuscisse a comunicare con Emma proprio grazie a quella fotografia?
Emma ha un dono: è sensibile e permette che le cose accadano, senza intralciare il loro percorso. In questo modo c'è qualcuno che può mettersi in contatto con lei e magari sistemare delle faccende rimaste in sospeso o semplicemente ritirarsi in pace e permettere alla propria anima di rilassarsi per l'eternità.
Questo è un romanzo decisamente paranormale, nonostante la vita di Emma sia, tutto sommato, abbastanza ordinaria. Ammetto di essere abbastanza combattuta perchè se da un lato questo libro scorre che è una meraviglia (forse anche troppo), dall'altro non lascia molto. Una volta finito si rimane con un pugno di mosche in mano, e nemmeno una grandissima voglia di consigliarlo. Una di quelle storie così così, che si lasciano leggere, ma non riescono a coinvolgere troppo perchè non c'è abbastanza. Forse il libro è dedicato ad un pubblico giovane, dato lo stile abbastanza semplice, ma ho trovato tutto troppo veloce e poco descritto, sono abituata a leggere romanzi più ricchi di particolari e situazioni.
C'è anche una storia d'amore nel mezzo, che colora abbastanza, ma rimane sempre su toni molto delicati, che in realtà non guastano, ma è quello che accade tutto intorno ad essere inverosimile, troppe coincidenze che fanno cascare le braccia.

Punti forti:
-  L'idea di base è carina, una storia diversa dal solito, adatta a staccare la spina, ma senza troppe pretese.

Punti deboli:
- Lo stile scarno, le troppe coincidenze e la storia troppo veloce rendono il romanzo un po' privo di quella grinta che potrebbe avere, ma non ha.
- Il finale un po' prevedibile ma sopratutto un po' troppo Easy rispetto a quello che succede.

You Might Also Like

5 commenti:

  1. Io questo libro lo ricordo. Nel senso che ricordo benissimo di averlo gettato fuori dalla finestra e rimosso totalmente la storia!! P.S.: la honey clementine a me non è piaciuta tantissimo, tu come la trovi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ecco, mi sembrava! Fuori dalla finestra no...però privo di phatos si! A me questa profumazione piace perché fresca ma con quel pizzico di dolce-acidulo. Io non amo le profumazioni stucchevoli, piuttosto prediligo le speziate. Ma hai notato che le giare hanno un profumo diverso dalle tarte?

      Elimina
    2. Io, dopo varie prove e tentativi ho capito di essere una da profumazioni speziate o floreali! Visto che ti piacciono le speziate, allora, ti consiglio la "Driftwood", una delle ultime uscite, che è veramente buona! E per quanto riguarda le giare, concordo con te: il profumo è diverso e molto meno intenso, tanto che mi limito a prendere quelle piccoline, che spesso piazzo in bagno. Poi, come sai, sono una che ama cambiare spesso, quindi preferisco di gran lunga le tarte, così posso sbizzarrirmi di più!

      Elimina
  2. Ho questo romanzo da secoli nell'ereader..mi hai dato un motivo in più per continuare a lasciarlo là, ad aspettare! un bacio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Roby, guarda se un pochino ho imparato a conoscere le tue letture non credo che apprezzeresti molto questo libro quindi secondo me puoi lasciarlo dov'è! A presto, un abbraccio

      Elimina