Daly,

Recensione: "L'amica pericolosa" di Paula Daly

mercoledì, settembre 30, 2015 Baba_Books Desperate Bookswife 18 Comments

Buongiorno ragazzi come va? Finalmente ho letto un libro che mi ha conquistata dalla prima all'ultima pagina, un thriller convincente anche se non fa paura, un'autrice scoperta per puro caso della quale rimedierò il suo primo libro. Colgo l'occasione per ringraziare la Casa Editrice Longanesi per avermene inviata gentilmente una copia.








Titolo: L'amica pericolosa
Autore: Paula Daly
Casa Editrice: Longanesi
Pagine: 349
Prezzo: 17,60€
Pubblicazione: 17 settembre  2015



Notizie sull'autore:

Paula Daly vive in Cumbria, la contea del Regno Unito, teatro dei fatti del romanzo, che ospita il Lake District National Park. Sposata e madre di tre figli, per un periodo ha vissuto in Francia ed è poi tornata definitivamente in Inghilterra. Il suo romanzo d’esordio,Da quando sei scomparsa, è uscito presso Longanesi nel 2014.


VOTO:



COMMENTO:

Una decina di giorni fa, curiosando tra le novità, mi accorgo di questo libro. La Libridinosa mi consiglia caldamente  l'autrice e così decido di imbattermi in un thriller. Non so bene nemmeno io a cosa andrò in contro, ma deciso di non avere aspettative, voglio lasciarmi cullare dalla trama e dagli eventi. Accendo il mio Kobo e inizio a "sfogliare" le pagine e incontro  Natty, una giovane mamma, una imprenditrice, una moglie soddisfatta, una persona super organizzata, benestante, una di quelle persone alla quale apparentemente non manca nulla. 
Contemporaneamente mi imbatto in Eve, bella, bionda, una carriera da psicologa, vive in America, conosce Natty dall'università, sono amiche per la pelle da tempo immemorabile. Due donne completamente diverse che si completano, il loro affetto supera la distanza, le avversità e gli stili di vita decisamente  diversi.

Cosa fareste voi se di punto in bianco perdeste tutto? No, perdonatemi ho sbagliato, se vi rubassero tutto, affetti compresi, e di punto in bianco foste addirittura messe alla porta, si ma... di casa vostra?
La storia parte subito in quarta, non ho fatto in tempo ad abituarmi e ad ambientarmi che subito la tensione è salita e così ho dovuto spostarmi dalla posizione comoda in poltrona per mettermi in quella da combattimento. 
Non è un libro che incute timore, non fa paura, non ti lascia con il fiato sospeso. Non è quel genere di thriller, "L'amica pericolosa" ti sconvolge, ti "sconquiffera" ti "attorcigliola" ti fa arrabbiare, ti infastidisce, provoca sudore ed è dannoso per le unghie che verranno subito mangiate, pellicine comprese.  

Finalmente un libro che mi ha tenuta incollata alle pagine, dalla prima all'ultima. L'autrice è riuscita abilmente a introdurmi all'interno di questa famiglia, omaggiandomi della loro quotidianità, spodestata dalla persona apparentemente più innocua della Terra. Ho assistito allo sgretolamento della felicità, ma sopratutto della sicurezza che un nucleo familiare sano crea, ho cercato un pacchetto di fazzoletti nelle mie tasche e l'ho passato a Natty ripetute volte, ho goduto immensamente non appena ha compiuto un gesto sconsiderato ma di quelli che provocano una soddisfazione tale da affermare a testa alta: il gioco vale la candela, ho odiato Eve dal primo momento e il suo essere strafottente mi ha quasi provocato un'orticaria agli arti superiori, ho incrociato le dita, mi è venuto mal di stomaco  ma...ne è valsa la pena. 
Lo consiglio caldamente a tutti, anche a quelli che non si sentono attratti dal genere, perché è talmente appassionante che non si può lasciarselo sfuggire, non capita tutti i giorni di portarsi il libro appresso e leggere anche durante la pulizia dentale quotidiana.

Cosa ho maggiormente apprezzato:
  • l'autrice ha adottato uno stile particolare alternando al punto di vista di Natty, uno totalmente esterno, in questo modo la visione d'insieme è più approfondita e veritiera.
  • Tutti i personaggi sono carismatici e interessanti, non c'è l'eroe della situazione, ma sono tutti esseri umani con pregi e difetti comuni (a parte Miss Cattiveria ).
  • Nonostante la storia sia tosta, emotivamente complicata, la Daly ha inserito della sottile ironia che mi ha provocato un brivido di piacere.
  • So che non farò contenti i maschietti ma...la visione sottile del genere maschile è molto, molto e ripeto molto divertente!
Cosa mi è piaciuto meno:
  • Posso scriverlo? A costo di apparire violenta e potenzialmente pericolosa, se io avessi un'amica così sarei stata molto più impulsiva, altro che fiancata della macchina ;-)


You Might Also Like

18 commenti:

  1. Mi ispira, mi ispira, mi ispira :) Ne sto sentendo parlare molto spesso e bene. Gli darò una possibilità!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao!! Bene sono contenta e io non posso che dirti: Leggilo, leggilo, leggilo. Io ho già ordinato in libreria il precedente libro della >Daly

      Elimina
  2. Lo avevo messo in WL , adesso..corro a comprarlo! è quello che mi ci vuole in questo momento :)
    baci xxx

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tessa!! Corri corri corriiiiiiii è bellissimo :-) un bacione per te :-)

      Elimina
  3. ce l'ho tra le prossime letture e già non vedevo l'ora prima, figuriamoci dopo questa recensione iper positiva da te che hai gusti abbastanza simili ai miei ;-)
    http://www.audreyinwonderland.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, corri Amrita corri, fai come Forrest!!! spero tanto che questo libro ti incanti come ha fatto con me :-)

      Elimina
  4. Tra poche ore lo recensirò anch'io, visto che sono quasi alla fine della lettura. Spero di riuscire ad essere equilibrata come te nel non far trasparire la voglia di omicidio che mi ha accompagnata durante tutta la lettura!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uhhhh non vedo l'ora di leggerlo, io però sono stata più casta, mi sono limitata alla fiancata, ma il mio istinto era molto più bieco

      Elimina
  5. Segno... voi sarete la mia rovina! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ah ah segna segna vedrai che sarai felice come una Pasqua :-)

      Elimina
  6. Non lo conoscevo ma mi ispira parecchio! Finisce in WL anche questo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nadia, siiii Evvai! La wl si allunga :-) baci

      Elimina
  7. Sarà una delle mie prossime letture e, dopo questa recensione ed il tuo parlarmene in modo super appassionato, non vedo l'ora!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sister questo è il tuo :-) spero che il mio consiglio non ti deluda visto che tu sei una super esperta del settore

      Elimina
  8. E' arrivato in biblioteca e ho fatto l'errore di sbirciare il finale, poi mi sono messa a leggere le pagine a ritroso...e insomma me lo sono rovinato. E' che io non reggo la tensione: mariti fedifraghi, amiche stronze e doppiogiochiste, figlio ingrati...
    sigh...pareva un bel libro e il precedente l'avevo divorato...
    sono stata proprio una frana...
    per fortuna sto leggendo il passato di sara e rigorosamente pagina 2 dopo pagina 1 ecc
    Un saluto da lea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lea! Ma nooooo rovinata dal finale sbirciato, mi dispiace :-( . Quindi anche tu mi consigli di leggere il primo? Molto bene non vedo l'ora che arrivi. Ohhh il passato di Sara è molto molto bello, quanto mi è piaciuto, me lo ha consigliato Daniela e finalmente l'ho letto non molto tempo fa.
      Poi però in sede privata mi devi spiegare come fai a leggere a ritroso perché sono molto curiosa. Un abbraccio

      Elimina
  9. Sembra proprio un bel libro...Certo, se una ha l'inc...tura facile non è un libro adatto, ma mi incuriosisce tantissimo!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ah ah Alenixedda, ti assicuro che io sono abbastanza infiammabile, ma sono riuscita a contenere i danni!!! baci :-)

      Elimina