Elliot,

Ti consiglio un libro #21 - Ti (S)consiglio un libro che ho odiato

venerdì, maggio 13, 2016 La Libridinosa 10 Comments





Questa è una rubrica nata per far conoscere dei libri senza un criterio particolare. Un paio di volte al mese troverete i nostri (Salvia, La Libridinosa, Un libro per amico, La Biblioteca di Eliza) consigli sui rispettivi blog. Questa settimana vi (s)consigliamo un libro che proprio non abbiamo digerito.



Titolo: Le sultane
Autore: Marilù Oliva
Casa Editrice: Elliot


Recensione qui



SINOSSI: 

Tre donne regnano sovrane sul palazzo popolare di via Damasco, a Bologna. Sono soprannominate le Sultane e hanno dai settant’anni in su. C’è Wilma, piccola e astuta mercante in grado di vendere l’acqua santa al diavolo, che nomina incessantemente il suo morto. C’è Mafalda, la donna più tirchia sulla faccia della Terra. E infine Nunzia, bigotta fuori e golosa dentro, incapace di contenersi. Le loro imperfezioni sono state marchiate a fuoco da una vita poco
gentile: Wilma non sa fare i conti col suo lutto e litiga in continuazione con la figlia Melania, una disgraziata adescata da una setta satanica, che bussa alla porta solo quando necessita di un piatto caldo; Mafalda è costretta ad accudire il marito malato di Alzheimer; Nunzia, in delirio tra i suoi crocifissi, trova sempre il tempo per estorcere pettegolezzi e per concedersi i peccati che riesce ad arraffare. I loro desideri sono palliativi al grande sconforto dell’indifferenza che suscitano. Sono ignorate da un mondo a misura di giovinezza, un mondo incarnato dalla frastornante vicina del secondo piano, Carmela, cui Wilma prova a chiedere maggiore educazione e rispetto delle regole. Ma niente, quella continua a riderle in faccia. Le vecchie sono abituate a non ricevere considerazione, ragion per cui, quando improvvisamente l’esistenza le costringe a una svolta forzata, osano quello che non hanno mai osato fare e rompono tutti i tabù. Così, come tre parche potenti che inseguono disperate lo scoccare del loro tempo, nell’ombra filano i destini di chi ha tentato di metter loro i bastoni tra le ruote…Dopo la fortunata trilogia della Guerrera, Marilù Oliva racconta una storia irresistibile di amicizia, solitudini, rivincite e desideri inconfessabili, tra sorrisi amari e atmosfere noir.

Perchè ve lo sconsiglio? Beh il motivo è molto semplice: il libro è partito molto bene, sembrava avere una marcia in più, scritto con maestria, ironico, insomma tutte le carte in regola per essere letto e consigliato, poi...è degenerato, ma brutalmente anche. Le atmosfere noir descritte io le definirei grottesche, quasi spaventose. Avrebbero dovuto far paura? NO. Far ridere? Nemmeno. Quindi io proprio non sono riuscita a comprendere dove volesse andar a parare l'autrice, tra l'altro narrativamente parlando, abile. Peccato, ma proprio non è il genere che fa per me.

E adesso vi lascio ai consigli anzi sconsigli di Dany, della Libridinosa e di Laura.


You Might Also Like

10 commenti:

  1. Di Marilù Oliva ne ho sempre sentito parlar bene ma non ho mai letto nulla. Se dovessi leggere qualcosa di suo, non comincerò da questo. Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, onestamente dopo questo non credo che per il momento mi approccerò nuovamente all'autrice, Non ora almeno!
      Un abbraccio :-)
      Però se tu leggerai qualche cosa...sarei curiosa di sapere quello che pensi

      Elimina
  2. Prendo nota e mi tengo alla larga!
    un saluto da Lea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lea! Ecco brava, sono certa, anzi sicura che non ti piacerebbe!!! Un bacio a te

      Elimina
  3. Ricordo il tuo entusiasmo di inizio lettura e la tua grande delusione finale... peccato! Comunque io me ne tengo alla larga! ;)

    RispondiElimina
  4. Peccato! Non conosco l'autrice, ma la trama sembrava promettente.

    RispondiElimina
  5. Uh vero! Mi ricordo quando ce ne parlavi... Francamente non mi ispirava prima, figuriamoci dopo il tuo giudizio. Peccato, avanti un altro!

    RispondiElimina
  6. Non l'avevo mai notato questo libro... Comunque me ne terrò ben alla lontana! :)

    RispondiElimina
  7. che fastidio i libri che dovrebbero far ridere e non lo fanno, o paura ecc. Mi sembra sempre di non essere in grado di capirli.

    RispondiElimina
  8. anche a me non era piaciuto affatto

    RispondiElimina