#Recensione,

Recensione - Eppure cadiamo felici di Enrico Galiano

sabato, marzo 16, 2019 Baba Desperate Bookswife 16 Comments

Il libro
Eppure cadiamo felici di Enrico Galiano
Editore: Garzanti | Pagine: 384| Pubblicazione:  2017 | Prezzo 16,90€| Trama: Qui
Genere: narrativa 
Notizie sull'autore
Enrico Galiano è nato a Pordenone nel 1977. Insegnante in una scuola di periferia, ha creato la webserie Cose da prof, che ha superato i dieci milioni di visualizzazioni su Facebook. Ha dato il via al movimento dei #poeteppisti, flashmob di studenti che imbrattano le città di poesie. Nel 2015 è stato inserito nella lista dei 100 migliori insegnanti d’Italia dal sito Masterprof.it. Il segreto di un buon insegnante per lui è: «Non ti ascoltano, se tu per primo non li ascolti». Ogni tanto prende la sua bicicletta e se ne va in giro per l’Europa con uno zaino, una penna e tanta voglia di stupore.
Recensione 

Gioia Spada ha diciassette anni, abita in un quartiere popolare insieme a due genitori decisamente imperfetti e a scuola è una vera e propria sfigata. Quando i suoi compagni decidono di essere gentili la soprannominano Maiunagioia. Ama collezionare parole non traducibili  in italiano e ogni giorno ne appunta una sul polso, fotografa le persone di spalle e ha una sola amica speciale che si chiama Tonia che la accompagna ovunque. Questo è un quadretto molto approssimativo  della nostra protagonista. L'autore ovviamente  spiega alla perfezione com'è la signorina Spada:

"E' che Gioia Spada è una che è capace, quando le fanno un regalo, di aprire solo il bigliettino e di scordarsi di aprire il pacco. Gioia Spada è una che quando piove non prende l'ombrello, e che se ce l'ha lo lascia chiuso. Gioia Spada è una che quando trova un libro che le piace non inizia a divorarlo, ma a leggerlo più piano, per paura di finirlo presto. Gioia Spada è una che non sorride tanto spesso, ma quando lo fa accende la luce. Gioia Spada è una che non sa bene chi sia Bèlen Rodrighez. Gioia Spada è una che nei temi scrive tutto senza punti e senza virgole e poi aggiunge la punteggiatura alla fine. Gioia Spada è una che quando vede un cane lo saluta, sempre. Gioia Spada è una che in camera ha un muro con un sacco di foto di cantanti e scrittori e pittori e poeti, e il novantacinque per cento di loro attualmente sono morti."

Lo porta sempre una felpa con un cappuccio calato sulla testa, è un campione a freccette se nessuno lo guarda, colleziona sassolini in un barattolo e ama l'Irlanda anche se non c'è fisicamente mai stato.
Si incontrano per caso, di notte, nel dehor di un bar di periferia, lei scappava dai suoi genitori, lui cercava un po' di pace grazie a freccette e bersaglio e lei non se ne accorge, si addormenta sulla sedia convinta di essere sola e poi si sveglia perchè sente dei ripetuti "tum -tum - tum" e pensa ad un maniaco invece trova un articolo determinativo e lui invece trova una Cosa. 
Questa è una di quelle recensioni che probabilmente non ha un capo e nemmeno una coda, ci sarebbero un milione di cose da scrivere, ma di sensate in questo momento non me ne viene nemmeno una. Ho capito che avevo tra le mani IL LIBRO  dopo poche pagine, lo stile così avvolgente ha giocato un ruolo fondamentale e immediatamente lo ha seguito la protagonista, così "da me" oppure "per me". Per citare l'autore, un po' come quando ascolti una canzone e ti sembra che il testo avresti potuto scriverlo tu, perchè quelle parole raccontano di te e sei convinto che in qualche modo il cantautore si sia appostato vicino a casa tua e si sia comportato da stalker silenzioso e invisibile. Ecco, nonostante i miei genitori non siano come quelli di Gioia... Maiunagioia sono Io, o per lo meno, lo sono stata, per parte della storia,  per parte della mia vita.
Questa è la storia di una ragazza che affronta disagi momentaneamente difficili da sostenere, una vita complessa, delle relazioni complicate, un Pianeta di Merda  tutti i giorni della sua vita, fino a quando non trova qualcuno con cui confrontarsi, aprirsi, sorridere, scambiare opinioni. E' una storia di estremo coraggio, perchè non sempre la cosa giusta da fare per il bene di qualcuno è anche quella che porta benessere a chi la fa, perchè nella vita, comunque ci si comporti, per quanto si cerchi di farlo al meglio, non si può fare a meno di ferire qualcuno. Questo è un romanzo che straripa:  bellezza,  sensibilità,  emozioni, vita. Scritto sui giovani, per i giovani, per gli adulti, per tutti, da uno che con i ragazzi ci lavora ogni giorno mettendosi in discussione e ascoltando quello che i ragazzi hanno da dire.
E io non lo volevo leggere questo libro, perchè se ne è parlato tanto e ho avuto paura di non poterlo amare in maniera incondizionata, ho temuto che arrivasse la delusione, anche per colpa delle aspettative troppo alte. Ho aspettato, con pazienza, anche se in fondo al cuore sapevo che prima o poi ci sarei arrivata, nonostante il faccione in copertina.
Questo è il primo cinque del mio 2019, il primo libro di quest'anno che ho amato senza riserve dall'inizio alla fine, uno di quelli pieni di sottolineature, appunti e cuoricini virtuali. Uno di quei libri che regalerò, che ho già consigliato spassionatamente alle mie ginnaste più grandi, nella speranza che Magari possa diventare anche il loro libro del cuore. E se proprio devo scegliere una parola da amare, quest'ultima in grassetto potrebbe diventare anche la mia, poichè intraducibile e il significato è stupendo.
E se ci avete capito poco, se le mie parole vi sono apparse sconclusionate ma in qualche modo hanno attirato la vostra attenzione, beh allora andate a leggere il libro, poi tornate qui e rileggete tutto! Io vi aspetto, non scappo, per l'Irlanda c'è ancora tempo e anche per le rosse della Bretagna.


You Might Also Like

16 commenti:

  1. Bellissima recensione per un romanzo superbo

    RispondiElimina
  2. Sai quanto io sia difficile in fatto di gusti... eppure questo mi è piaciuto proprio tanto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rosaria, sono contenta! Siamo d’accordo :-) grazie per essere passata

      Elimina
  3. Ho amato anche io questo libro, quello successivo ancora di più

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Chiara! Davvero? Quello dopo ancora di più? Bello! Devo leggerlo :-)

      Elimina
  4. Ce l'ho da un po'. Dovrei decidermi a leggerlo :)
    Recensione bellissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna, grazie mille :-) Ecco, sì, leggilo <3 <3 voglio conoscere il tuo parere su Gioia

      Elimina
  5. Questo romanzo sembra essere piaciuto davvero a tutti, quindi un pensierino voglio farcelo anche io. Per me è difficilissimo arrivare a dare cinque stelle ad un libro quindi prendo questa tua valutazione come un'ulteriore stimolo alla lettura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Beth, anche io sono diventata avara :-) le cinque stelle sono rare! Provalo :-) e poi fammi sapere. Ti abbraccio

      Elimina
  6. Ok, io e te nei romanzi non andiamo mai d'accordo ma visto il genere e la recensione quasi quasi provo a leggerlo. Se finisce male mi arrabbio😘

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, il genere è il tuo!!! Provalo :-) scorre che è un piacere

      Elimina
    2. Devo capire dove inserirlo tra le mille chellenge che mi ritrovo
      😂

      Elimina
  7. Mi è proprio piaciuto questo libro e voglio leggere il secondo libro dell'autore da quando ho chiuso questo!!!

    RispondiElimina