Blogger,

Riflessioni di una Desperate Bookswife

lunedì, aprile 10, 2017 Baba_Books Desperate Bookswife 16 Comments

Buongiorno lettori,
stavo riflettendo: sono ben dieci giorni che non riesco a scrivere nemmeno un post. In un certo senso sono scusata, perchè tra il trasloco e qualche problema di salute il tempo si è ridotto all'osso. Starete mica pensando che io sia in procinto di abbandonarvi? Eh no!! Anche se dovessi ridurmi a scrivere una volta al mese, e non credo perchè Daniela potrebbe uccidermi, non vorrei comunque traslocare da qui, perchè il mio blog, alla fine, mi piace così com'è. Non sono una star, non sono una blogger famosa, e nemmeno una lettrice da centocinquanta libri all'anno, ma nel mio piccolo cerco di dare il meglio, o almeno ci provo. Quando leggo un romanzo amo poter condividere le mie emozioni con voi, belle o brutte che siano, adoro scaldare le dita sulla tastiera e mi compiaccio non appena clicco sul pulsante "Pubblica". 

Non vi nego che mi piacerebbe poter scrivere un articolo al giorno, ma questo non potrò farlo mai, ormai, dopo anni, sono giunta a questa consapevolezza. Ci ho provato, alcune volte ho corso come nemmeno Bolt alle olimpiadi, ma alla fine l'atletica non ha mai fatto per me, quindi se non sono una lettrice felice come posso essere una blogger motivata? Ci saranno dei mesi in cui potrò pubblicare otto recensioni e altri in cui magari non supererò le quattro. Dipende. Da cosa? Beh dalla famiglia, dal lavoro e dalla salute.

Ma oltre alle recensioni c'è ben di più: una magnifica challenge che mi sta regalando dei piacevoli momenti e poi anche un gruppo di lettura che mi diverte proprio. 

Ci sono blogger davvero in gamba che riescono a gestire tutto alla perfezione e poi ci sono io, persona incasinata per natura: immaginate una che esce di casa con una mela tra i denti, le chiavi di casa in mano, il cellulare nell'altra, la borsa strabordante con la cerniera che chiede aiuto, le chiavi dell'auto in tasca e il guinzaglio premuto sotto l'ascella a mo' di termometro. Vi sembra una bella scena? Ah ah ah, praticamente sono io, tutte le mattine. (Non fatevi ingannare dalla sciarpina nella foto, abbinata al giubbotto, un caso che hanno pensato di immortalare!) Altrimenti perchè Desperate Bookswife? Ecco, io non sono una persona metodica e anche se scrivessi mille scalette per gestire meglio il blog...non le seguirei. Io sono una che agisce di pancia, con impulso e sopratutto quando riesce. 
Se doveste leggermi una volta al giorno per una settimana significa che avevo un sacco di cose da dirvi e anche il tempo per trascriverle, se poi non doveste vedermi  per i successivi sette giorni non state a preoccuparvi, potrebbe avermi sommersa una montagna di roba da stirare, ma niente di grave!
Questo post assolutamente sconclusionato per chiedervi di accettarmi così come sono, fate come Mark Darcy con Bridget Jones, so di avere meno tette, ma la sfiga è quasi uguale! 
-Baba-

You Might Also Like

16 commenti:

  1. E noi non solo ti accettiamo così come sei, ma ti vogliamo bene proprio per questo. Certo non nego che mi piacerebbe se trovassi ogni giorno in bacheca un post con la firma Desperate Bookswife, e sai perché? Perché mi piace questo blog, mi piace la blogger che c'è dietro, anche se non ho mai avuto la fortuna di incontrarla di persona, mi piace la personalità e la saporosità delle recensioni che manco a dirlo mi fiondo sempre a leggere. Ma il punto è che se chi ti legge viene qui per questo, allora non gli importerà di aspettare giorni e giorni, toh anche un mese di silenzio, perché la qualità alla fine paga e chi dice il contrario è un gran fesso (o un invidioso).
    Sarà che quanto a questo mi trovi solidale nella maniera più assoluta, io che quel benedetto "Pubblica" lo schiaccio solo quando quello che ho scritto mi convince davvero e non per fare numero, ma ... sinceramente: se un blogger non si sente a suo completo agio nel proprio blog, allora per quale delirante motivo dovrebbe perderci tempo e energie?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buonasera Rosa, grazie, come sempre riesci a commuovermi! Perchè tu vieni, leggi i miei post, scrivi sempre quello che pensi e mi sostieni, anche se scrivo una tantum! Io sono felice nel mio angolo, mi regala serenità, ma non devo avere troppi vincoli, non devo sentirmi obbligata perchè se no... No, non posso, perchè così mi sento in qualche modo in trappola a causa della mia stessa grande passione. Spesso guardo il blog e dico: cavolo l'ultimo post è di cinque giorni fa, oddio adesso i miei lettori penseranno che sto perdendo colpi. No, non voglio sentirmi così, se non sono riuscita a finire un libro, non posso tappare per forza un buco. Grazie Rosa, perchè mi hai capito alla perfezione, e magari, un giorno riusciremo anche ad incontrarci!Un bacione

      Elimina
  2. Ben detto sorella! Spero che chi segue un blog da anni lo faccia per la passione di chi cosa tanto dietro e non per le scalette che chi ci sta dietro sa fare! Non credo sia vero che serve pubblicare tutti i giorni per avere delle soddisfazioni anche perché la qualità dovrebbe prevalere sulla quantità. Si possono anche scrivere 5 recensioni a settimana ma se in quelle recensioni non si ha niente da dire perché ormai le si scrive come se lo si facesse a cottimo mi sembra inutile. Il bello dei blog è che sono fatti da persone che lo fanno per passione, e la passione emerge se ci si prende i propri tempi. Vivi e quando i resta tempo per altro se ne hai voglia pubblica, altrimenti salta. Non manchi di rispetto a nessuno se decidi di scrivere sul tuo blog una volta al mese. Chi passa da qui non ha sottoscritto un contratto con te in cui tu ti impegni a pubblicare un post al giorno perché altrimenti la stessa persona dovrebbe ritenersi altrettanto sotto contratto ed avere la stessa attenzione nel passare di qui a commentare una volta al giorno! Il blog è una passione e chi dice che è un lavoro è perché evidentemente non ha altro da fare nella vita! Sicuramente è una passione cui si deve dedicare impegno ma lo stesso lo deve fare chi vuole correre la maratona o scalare una montagna. Noi abbiamo un blog, invece di guardare la TV la sera o di andare in palestra o di cucinare torte noi scriviamo sul nostro blog e chi ci segue lo fa proprio perché noi siamo queste, con le nostre imperfezioni! Avanti tutta sorella! 😘😘😘😘

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao sister! Anche tu sei un'altra che mi comprende, grazie :-) Sai che c'è? Nella vita ne capitano di ogni e io non ho il tempo per far tutto, il lavoro che è cambiato, la bambina che cresce, che si ammala, il cane, il gatto, il criceto, il serpente a sonagli!! No, scherzi a parte, ho provato a fare la blogger seria, (intendo precisa, ordinata, con delle scadenze) ma io sono disorganizzata. E' un dato di fatto. Quindi pazienza, questo post non voleva dire nulla di particolare, ci tenevo a condividere le mie seghe mentali!!! Bacio sorella e andiamo avantiiiiiiiii

      Elimina
  3. Ahaha, cara Baba, l'organizzazione, questa sconosciuta! Io sono come te, ormai pubblico una volta a settimana, casini permettendo, e me ne son fatta una ragione, niente più sensi di colpa. Complimenti per la foto e per la nuova pettinatura (è nuova, no? o sono stordita io?), una creatura, sei!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma Roby ciao! Ecco, esatto, i sensi di colpa. Che brutti. Però sai, pazienza, l'importante è crederci, amare il proprio spazio e sentirsi a casa aprendo blogger (anche se fa girare le scatole). Si, non ti sbagli, la pettinatura è nuova, ho tagliato un po' di tristezza, associata a periodi meno felici. Ah ah ah una creatura uscita dall'uovo di §Pasqua ah ah ah!!! Ti abbraccio forte forte

      Elimina
  4. Porca puzzola che post! E pensare che sino a qualche tempo fa eri tu la prima a sostenere che il blog richiedeva impegno, organizzazione, tempo e che era quasi un lavoro a tempo pieno! Evidentemente hai capito che il tuo blog, com'è giusto che sia, deve rispecchiarti e sì, tu sei una di pancia, disorganizzata, una che compra le agende e poi le lascia a casa, quindi il tuo blog è come te: un po' sconclusionato! Ma il bello è questo, no?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, lo sostenevo e ancora penso che un Blog "serio", di quelli che tengono aggiornati i lettori sulle ultime uscite, di quelli che riescono a pubblicare in anteprima un sacco di recensioni, così che il lettore il giorno dell'uscita possa già avere un'idea, di quelli che non perdono una presentazione interessante, ecco quei Blog richiedono lavoro, tanto lavoro e organizzazione. Io ci ho provato, ma quel tipo di Blog non fa per me, ci ho messo tanto a capirlo, ma se uno è portato per il greco...non è detto che lo sia anche per la fisica! E non è che debba per forza sforzarsi. Si, sono una casinara, pasticciona e impulsiva. Diciamo che sto iniziando a convivere con i miei difetti. Poi sai, si dicono tante cose, ma quante volte si cambia idea strada facendo? "Io speriamo che me la cavo"

      Elimina
  5. Ciao Baba bella! Ma quanto mi è piaciuto questo post "sconclusionato"?! Ha ragione Rosa, noi ti vogliamo bene proprio per come sei, e poi ci sono già mille occasioni in cui siamo obbligate alle scadenze, ai tempi stretti, ai doveri... se non ti prendi le tue pause e i tuoi ritmi per fare ciò che ti piace, va a finire che poi non ti piace più (che perla di saggezza, eh?!)! Quindi non ti preoccupare, chi apprezza Desperate bookswife lo fa indipendentemente dal numero dei post, e io sono fra quelle! p.s.: magari riusciamo a vederci a Tempo di libri! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Nadia! Questo è uno di quei post scritti di pancia, anche se in realtà l'ho modificato un po', rischiava di diventare proprio troppo lungo! Ah ah ah ma la tua perla di saggezza è proprio vera, anche perchè quando io mi sento troppo stretta in un vestito...me lo strappo! Speriamo di vederci presto :-) Ti abbraccio

      Elimina
  6. Che bello leggerti Baba!! Io ti confesso che i blog che amo di più sono proprio quelli che non pubblicano tutti i giorni, perché ora che ho pochissimo tempo stare dietro ai blog super prolifici diventa impegnativo, e spesso alla quantità non corrisponde la qualità! Invece quei blog più "rilassati" hanno quasi sempre qualcosa da dire di sentito e interessante!! Avanti così! E il caschetto sbarazzino ti sta benissimo! :-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie Alenixedda! sia per il caschetto che per il blog :-) Siiii avanti tutta, ti abbraccio e grazie per il sostegno

      Elimina
  7. Io sono contenta che tu sia esattamente così come sei, una brava blogger un po' disorganizzata! Io sono l'incarnazione della suprema disorganizzazione e quindi hai tutto il mio rispetto e il mio sostegno. Ma , a parte gli scherzi, sonop felice di leggere i tuoi post, come e quando vengono pubblicati!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno Beth, oh ma allora mi capisci in pieno! In effetti però, non sguazziamo bene nella nostra disorganizzazione? Io ci sono quasi affezionata ah ah ah. Scherzi a parte, grazie di tutto cuore!

      Elimina
  8. Oh Baba! ... sei bellissima, hai una bambina stupenda e molto intelligente e un marito che ti adora...altro che sfiga di Bridget Jones!!! quanto al blog è bellissimo. Io purtroppo ho poco tempo e lo guardo circa una volta a settimana...è perfetto così... scrivi quando e come puoi. Sono perfettamente d'accordo coi commenti precedenti... quello che conta è la qualità, non la quantità!!!!
    Un mega abbraccione da Irene e Dave (Canada)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cuginetta :-) ma tu mi riempi il cuore di gioia! Sapevo che ogni tanto passavi a leggere qualche post, ma una volta alla settimana è un vero onore, GRAZIE. Ricambio il super abbraccio, sperando di potertelo dare vero al più presto, insomma torna presto insieme a Dave!

      Elimina