Di Francia,

Recensione - Amiche di penna di Mastrocinque e Di Francia

venerdì, ottobre 14, 2016 Baba Desperate Bookswife 17 Comments

Un'intensa pioggia persevera sulle colline piemontesi, le ossa sono umidicce, i cappottini bagnati e le scarpe un po' infangate. Cosa si può fare? Accendere il camino, accomodarsi sulla poltrona e leggere qualcosa di interessante. 



Il libro
Amiche di penna di Di Francia e Mastrocinque
Editore Mondadori | Pagine 204 | Prezzo 18,50€ | Pubblicazione settembre 2016
Genere Narrativa italiana | Sinossi: Qui sul sito Mondadori

Notizie sulle autrici:
Marosella Di Francia, napoletana, ha insegnato italiano e storia nelle scuole superiori. Ha pubblicato, insieme a Valerio Caprara, ... E ci vediamo sotto alla funicolare (Napoli, Massa editore, 2004). Con Daniela Mastrocinque ha scritto la sceneggiatura Gli amanti di Parigi(Napoli, Esa, 2013) e questo è il loro primo romanzo.

Daniela Mastrocinque, napoletana, ha insegnato italiano e storia nelle scuole superiori. È autrice di racconti comparsi in varie raccolte antologiche, tra cui Caffè ' Alla ricerca del tempo perduto. Con Marostella Di Francia ha scritto la sceneggiatura Gli amanti di Parigi (Napoli, Esa, 2013) e questo è il loro primo romanzo.

Recensione
Lo ammetto, un altro libro che non avrei preso in considerazione. Perchè? Così, non c'è una ragione ben precisa, ma poi ho pensato: "Baba, sei o non sei sempre alla ricerca di autrici italiane? Ecco, allora leggilo". E così ho dato ascolto alla mia vocina interiore e ho iniziato ad immergermi in questa lettura.


Innanzi tutto ci troviamo tra le mani un romanzo epistolare, un botta e risposta interessante tra le due protagoniste, che sono Emma Bovary e Anna Karénina. Eh già, le due autrici napoletane hanno osato, dopo un attento studio hanno iniziato a scrivere questa fitta corrispondenza. Siete preoccupati perchè non avete letto i due classici dai quali prendono spunto le autrici? Non dovete preoccuparvi, io ricordavo la storia scritta da Lev Tolstoj, ma buio totale sul versante francese. Il libro è godibile ugualmente, anzi, potrebbe entusiasmare tutti coloro che non hanno avuto il tempo o la voglia di affrontare i due classici che tanti temono durante gli studi superiori.


È una sorta di spin-off, immaginato dalle nostre due autrici: cosa accadrebbe se Anna ed Emma diventassero casualmente amiche di penna? Cosa si racconterebbero? 
Ammetto che per una buona parte della lettura mi sono chiesta dove si volesse andare a parare, scrittura scorrevole, piacevole lo stile, ma come si sarebbe giunti all'epilogo?
Indubbiamente le ultime cinquanta pagine sono riuscite a stupirmi e se le prime centocinquanta le ho  lette nei ritagli di tempo, alla fine invece ho provato un vero e proprio moto di curiosità.
Quindi, se avete voglia di ritrovare queste due figure, che magari hanno fatto parte della vostra vita durante gli studi, o se invece volete provare a conoscerle grazie a questo libro, avanti, non avete che da immergervi nella vita amorosa delle due famosissime donne. Vi aspettano lettere molto confidenziali, ricche di confidenze, alcune più piccanti, altre più tristi, altre ancora colme di felicità. 
Una  cosa è certa, adesso ho proprio voglia di recuperare Madame Bovary, che proprio ho resettato. Se non avessi letto questo epistolario sicuramente non ci avrei pensato. 

Voto

e 1/2

Punti forti:
  • Le due autrici hanno scritto una raccolta di lettere convincente e credibile: una scrittura ricercata, molto simile a quella appartenente agli autori della metà dell''800.
  • Il libro è godibile e scorrevole, scritto con un linguaggio fine e ricercato. Per me è stato un po' come tornare indietro nel tempo, (gli anni del liceo li ho superati da un pezzo) e questa sensazione l'ho assai apprezzata.
Punti deboli:
  • Da amante dei classici non riesco ad appassionarmi follemente a delle storie parallele, mi piace leggerle, ma poi mi vien voglia di prendere in mano il "tomone" contenente la storia originale. 

Alla prossima,



You Might Also Like

17 commenti:

  1. Con questo romanzo è stato amore a prima vista, sarà la mia prossima lettura!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uhhh ciao! certo spero di sapere presto il tuo pensiero :-)

      Elimina
  2. E niente, gli epistolari proprio non mi allettano e non riesco ad affrontarli. Grosso limite, il mio, che prima o poi dovró provare a superare.
    Ciaoooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Bacci, eh no, allora non fa per te, ma mica è un limite, io non leggo erotici ah ah ah se non è un limite il mio...Bacioni

      Elimina
  3. Spunto intrigantissimo! Lo voglio da un po' :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! È proprio godibile questo libro, chissà se potrò leggere presto la tua opinione! A presto

      Elimina
  4. Ho un rapporto travagliato con entrambe le eroine però, nonostante abbia lo stesso problema di Stefania sopra, mi piacerebbe dargli una possibilità. Vedremo. Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cecilia, chissà, non saprei cosa consigliarti, però se non ti piacciono i romanzi epistolari...non so, ti guiderà l'istinto! Un abbraccione

      Elimina
  5. Ecco Baba, io temo proprio questo: il confronto con gli originali. Certo però bisogna dire che, allo stesso tempo, un carteggio fra Emma e Anna è una forte tentazione, per me che sono stata così presa dall'eroina di Tolstoj che, mentre leggevo, ho dimenticato di togliere le zucchine dal forno! Per Madame Bovary al contrario non ho tutta questa simpatia. Magari questo romanzo sarà la sua occasione di riscatto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rosa :-) eh no, allora devi leggerlo!!! per forza sai? Non puoi sottrarti, ti tocca ah ah ah . Un bacione

      Elimina
  6. Ciao Baba, è tanto che non leggo un romanzo epistolare e la tua recensione è una tentazione. ;)
    Saluti.
    Giovanna Roma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giovanna, è un piacere averti qui, ehhhh una bella tentazione eh? Un caro saluto a te!

      Elimina
  7. Ciao Baba, è da quando l'hai in lettura che frigo, perche sia il titolo che la copertina mi attiravano molto.
    M.me Bovary non mi è piacita come figura femminile, mentre di Anna ho visto solo trasposizioni cinematografiche.
    Ma conoscere questo libro attraverso la tua recensione mi ha molto incuriosita, sicchè con calma...
    Grazie ed a presto, Marina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marina! Guarda, non ero convinta al 100%, lettura piacevole ma non mi sentivo appagata, poi con pazienza sono arrivata ad una conclusione: è una lettura comunque gratificante. Un bacione

      Elimina
    2. Ciao!!! :-)
      Allora da aggiungere al Listone! ;-)
      Ricambio di cuore, Marina

      Elimina
    3. Ciao!!! :-)
      Allora da aggiungere al Listone! ;-)
      Ricambio di cuore, Marina

      Elimina
  8. Ciao Baba, è da quando l'hai in lettura che frigo, perche sia il titolo che la copertina mi attiravano molto.
    M.me Bovary non mi è piacita come figura femminile, mentre di Anna ho visto solo trasposizioni cinematografiche.
    Ma conoscere questo libro attraverso la tua recensione mi ha molto incuriosita, sicchè con calma...
    Grazie ed a presto, Marina

    RispondiElimina