Dahl,

Immagini d'inchiostro - Il GGG, Il Grande Gigante Gentile

sabato, luglio 08, 2017 Baba_Books Desperate Bookswife 7 Comments

Buongiorno amici, come state? Dopo tantissimo tempo torno a parlarvi di libri e film, o, per meglio dire, di libri che sono diventati film.
Chi sarà l'ospite d'onore di oggi? Il GGG di Roald Dahl. Allora, se proprio devo raccontarvi la verità, io questo libro l'ho comprato perché mia figlia ha visto il film e dato che io le ho spiegato che prima di diventare una pellicola è stato scritto sulla carta da un autore per ragazzi...lei da buona figlia di una Bookswife, mi ha chiesto il cartaceo, dal quale non si è separata per circa due settimane.
Poi, complice la challenge ideata da Lucrezia Scali, ho deciso li leggerlo anche io (non che mia figlia sappia leggere, ma lei lo apre e se lo racconta, ma di questo disquisiremo in un altro post più avanti).




DAL LIBRO...

TITOLO: Il GGG
AUTORE: Roald Dahl
CASA EDITRICE: Salani
PAGINE: 221
PREZZO: 12,00€
PUBBLICAZIONE:1987 in Italia
SINOSSI:

Sofia non sta sognando quando vede oltre la finestra la sagoma di un gigante avvolto in un lungo mantello nero. È l'Ora delle Ombre e una mano enorme la strappa dal letto e la trasporta nel Paese dei Giganti. Come la mangeranno, cruda, bollita o fritta? Per fortuna il Grande Gigante Gentile, il GGG, è vegetariano e mangia solo cetrionzoli; non come i suoi terribili colleghi, l'Inghiotticicciaviva o il Ciuccia-budella, che ogni notte s'ingozzano di popolli, cioè di esseri umani. Per fermarli, Sofia e il GGG inventano un piano straordinario, in cui sarà coinvolta nientemeno che la Regina d'Inghilterra. Età di lettura: da 8 anni.

...AL FILM



TITOLO: Il GGG - Il Grande Gigante Gentile
REGISTA: Steven Spielberg
ANNO: 2016
GENERE: ragazzi-fantastico-avventura
SCENEGGIATURA: Melissa Mathison
CAST: Mark Rylance, Ruby Barnhill,Rebecca Hall,Penelope Wilton
TRAMA:
Una notte Sophie, una bambina che vive in un orfanotrofio a Londra, viene rapita da un gigante, che la porta nel suo mondo, dove vivono altri giganti cannibali. Questi giganti si nutrono di carne umana, soprattutto bambini, ma il gigante che ha rapito Sophie non è come tutti gli altri: il suo nome è GGG (acronimo di "Grande Gigante Gentile"), è l'unico della sua specie che non mangia uomini e per di più è gentile e simpatico. Sophie e GGG diventano amici, e la bambina aiuta il gigante nel suo lavoro: creare e portare sogni belli ai bambini che dormono. Un giorno, però, Sophie e GGG scoprono che gli altri giganti hanno intenzione di fare una nuova strage e così i due amici decidono di avvisare la Regina d’Inghilterra della prossima minaccia.

COSA NE PENSO:
Questa è la straordinaria storia di Sofia, un'orfanella che riesce a trovare l'affetto paterno grazie ad un Grande Gigante Gentile, che al giorno d'oggi verrebbe definito Vegetariano. Sì, avete capito bene, lui, a differenza degli altri giganti, che si nutrono di esseri umani (o meglio conosciuti come populli), lui mangia cetrionzoli. Per scelta ovviamente, non che li trovi particolarmente gustosi, ma perché è abbastanza disdicevole nutrirsi di carne umana viva.
Sofia, che per qualche lunghissimo istante ha creduto di finire in padella insieme ad aglio e rosmarino, ha capito di essere momentaneamente salva, anche se ha compreso che il GGG non l'avrebbe mai più lasciata andare. Non che all'orfanotrofio si trovasse particolarmente bene, intendiamoci. Comunque insieme decidono che sarebbe carino riuscire a salvare dei poveri umani (quasi) innocenti dalle grinfie di giganti affamati e privi di scrupoli, così cercheranno insieme di intercettare la Regina d'Inghilterra per trovare insieme una soluzione.
Una storia per bambini, a partire dagli otto anni, scritta moltissimi anni or sono che mi ha fatto sorridere e scendere una lacrimuccia allo scadere delle pagine. Il rapporto che si crea tra lo sgrammaticato GGG e la dolce ma precisa bambina è commovente. Il paragone tra il popolo gigante e quello umano viene affrontato più di una volta e obbliga a  pensare. Il concetto dell'amicizia viene sottolineato e l'intera storia si basa proprio sulla fiducia reciproca.
Il film poi è spettacolare, a partire da un cast più che idoneo, ma sopratutto da un regista con la R maiuscola: Spielberg, che io ammiro da quando son piccina. E' riuscito a ricreare un'atmosfera pazzesca e i personaggi sono proprio loro! Difficilmente mi capita di rimanere piacevolmente sorpresa da un film tratto da un libro, e in questo caso, nonostante le differenze, ho trovato tutto estremamente gradevole.
Ho anche pensato: ma quanto è stato bravo l'attore che ha interpretato la parte del GGG? -Riuscire a ripetere frasi assolutamente sgrammaticate, condite con termini inesistenti...dev'essere ancora più complicato, quindi tanto di cappello!
Mia figlia Isotta ha già visto questo film almeno tre volte, mentre il libro lo sfoglia, se lo racconta, ma non permette che io finisca di leggerlo, perché altrimenti finisce (strana concezione della lettura...credo che dovrò spiegarle  ancora qualcosina!).
E voi lo avete letto? Il film vi è piaciuto? Qualche altro racconto di questo autore da consigliarmi? Il più famoso è "La fabbrica di cioccolato" che ancora mi manca.

A presto, vi aspetto lunedì, con la recensione di un romanzo per ragazzi che mi è entrato nel cuore, ma non vi stupirò troppo, perché è famosissimo!
Buon fine settimana a tutti.

You Might Also Like

7 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. Il GGG è stato uno dei capisaldi della mia infanzia, così come altri libri di Dahl quali Le streghe o Matilda. L'ho adorato e lo amo ancora adesso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nadia, credo che mi ispiri Matilda. Spero che il GGG diventi un mito per mia figlia

      Elimina
  3. Invece io non l'ho mai letto, nè ho visto il film. Chissà perchè. Mi sa che devo rimediare ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Patrizia! Eh si, lo leggi in un baleno :-)

      Elimina
  4. Il libro della mia infanzia *_* contentissima che ti sia piaciuto, meglio tardi che mai <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh sì, meglio tardi che mai :-) e son contenta anche io

      Elimina