bilancio 2018,

Bilancio del 2017 - cosa vi consiglia la Bookswife

sabato, dicembre 30, 2017 Baba Desperate Bookswife 12 Comments

Ohhh...ma buongiorno lettori, come state oggi? Erano giorni che stavo pensando se scrivere o non scrivere questo post, così, pensa e ripensa, oggi siamo qui, a discutere insieme le mie letture del 2017.
Innanzi tutto so già di aver letto mooolto meno rispetto allo scorso anno, ma come dice sempre una mia amica cara: ho traslocato, poi ho sistemato, poi ho iniziato a dividere il mio tempo con mamma - che è una gran bella cosa -, ho una casa molto più grande da pulire, insomma sono cambiate un po' di carte in tavola e vedremo in futuro, se riuscirò a tornare ai livelli degli scorsi anni o dovrò accontentarmi di molti meno libri.
I libri terminati nel 2017 sono 55. Cioè una tristezza infinita, ne leggevo circa 80. Pazienza. Ma adesso conoscete la verità (sì, so che moltissime blogger diranno :"Ehhh va beh ma cosa tiene aperto un blog a fare se legge così poco?? Ma perchè non si da all'ippica?". Pazienza, mettiamola così, questo spazio è MIO, la mia sfida personale, ciò che mi rende viva e mi da la forza spesso di non mandare tutto al diavolo, c'è chi sfoga la propria quotidianità andando a correre, c'è chi si mette
davanti ai fornelli, c'è chi invece ascolta la musica a tutto volume, io invece leggo e scrivo post. Quindi, se vi state domando il perchè, con soli 55 libri in attivo io non chiuda i battenti...beh vi ho risposto!
Ma torniamo al bilancio.
Ho letto pochissimi libri brutti, qualche libro così così, moltissimi romanzi belli e qualche meraviglia. Qui sotto non farò una classifica, sono in ordine cronologico e non di gradimento (Cazalet esclusi, ma essendo una serie completa l'ho inserita per prima),  semplicemente elencherò quei volumi che mi hanno regalato emozioni più di altri.

Sicuramente non sarebbe giusto non parlarvi di questa saga familiare. Inserita per prima per la mole di pagine:
 I Cazalet sono entrati nel mio cuore un po' alla volta, in punta di piedi, facendosi apprezzare pagina dopo pagina, senza nessuna fretta, con la sicurezza di chi sa già che sarà il tuo tipo, sta a te capirlo, non importa quando.
Ovviamente manca il quinto della serie, che sto terminando in questi giorni.


Poi abbiamo un'autrice italiana, della quale ho letto due precedenti romanzi, si tratta di Virginia Bramati:
Tutta colpa della mia impazienza -recensione Qui- mi ha regalato momenti deliziosi in compagnia di Agnese detta Leo, una ragazza che ha appena terminato il liceo e deve affrontare un'estate alternativa in compagnia di un medico collega di suo padre e il suo migliore amico. Un romanzo che affascina, stupisce e che nasconde vari assi nella manica.

Adesso lasciamo Agnese e andiamo i conoscere i personaggi dell'ultimo romanzo di Paola Calvetti.
Gli innocenti non è solo un libro, ma una sinfonia, un ballo di coppia, una melodia, insomma qualcosa di indescrivibilmente bello e profondo, anche per una profana come me, che di musica non ne capisce proprio nulla. Jacopo e Dasha sono i protagonisti di questa storia, sono due musicisti e sono destinati a qualcosa di grandissimo. Non potrebbero essere più diversi, ma una passione li accomuna. Vi perderete tra le pagine e piangerete, perchè l'emozione è garantita. Recensione QUI.

E qui invece si torna su qualcosa di conosciuto, perchè tutto quello che ho letto di Sara Rattaro l'ho amato. L'amore addosso il suo ultimo romanzo per la categoria "narrativa contemporanea".
Questa è la storia di due amanti, in tutti i sensi, perchè Giulia e Federico si amano sul serio, ma sono entrambi sposati con altre persone. Purtroppo però la vita riserva loro un imprevisto e tutto cambia. Un libro che parla di amori difficili, non convenzionali e mette il lettore dalla parte delle coppie scomode, tanto odiate, perchè in fondo, nonostante il loro amore sia sincero, tengono, per i motivi più disparati, i piedi in due scarpe. Consigliatissimo. Recensione Qui

E qui c'è un altro autore che ormai per me è diventato una garanzia, si tratta di Lorenzo Marone.
Per la quarta volta (io ho letto anche Daria) questo autore partenopeo mi ha regalato una storia eccitante e commovente, scritta come solo lui sa fare. Questa volta la protagonista è una donna, Luce, cresciuta nei Quartieri Spagnoli, e nella vita si guadagna da vivere facendo l'avvocato, nonostante sua madre non approvi. Lei è una di quelle donzelle con gli attributi e così purtroppo il suo lato femminile ne risente un po' (e anche il suo carattere). Poi entra nella sua vita un bambino, così tutto cambia... Un libro da leggere, per forza. Recensione Qui.

Dopo tanto bighellonare, quest'estate ho fatto amicizia con la protagonista del romanzo di Annarita Briganti, consigliato da Daniela.
Lo sapete ormai, io sono una lettrice che adora cogliere i consigli altrui. Ormai son abbastanza capace di scegliere le mie letture da sola e quando vado in libreria a comprare, mi capita di sbagliare per carità, ma ormai conosco molto bene la mia confort zone - Marone qui sopra ne è un esempio. Il bello è proprio provare a fare un salto al di là della linea e buttarsi, facendosi accogliere a braccia aperte. Questo è capitato con Gioia, lei mi ha preso. Un romanzo difficile, doloroso e sarcastico. La protagonista è talmente ipnotica che il lettore ha bisogna di sapere se starà bene, cosa farà, dove vivrà, chi conoscerà e via così. Anche questo libro va letto. Recensione Qui.

E adesso arriva lei, l'autrice che quest'anno mi ha regalato le emozioni più grandi. Lei ha scritto  quello che considero il libro migliore del mio 2017!!! Rullo di tamburi...Federica Boooosco!
Due amiche, cresciute insieme, non potrebbero essere più diverse. Una è precisa maniacalmente, lavoro sicuro, tutto programmato al minimo dettaglio. L'altra è scombussolata, sempre sorridente, incasinatamente simpatica, pasticciona, vulcanica. Anche qui la vita però si mette in mezzo e cambia i ritmi, mescola le carte, insomma fa pasticci inattesi. In questa storia c'è tutto: amore, amicizia, sofferenza, abusi, malattia. Ecco io adoro la Bosco, e dopo questo romanzo, ancora di più. Leggetelo. Recensione Qui.

Adesso cambiamo completamente genere, inforchiamo gli occhiali, indossiamo impermeabile e parrucca e non facciamoci mancare taccuino e penna: giallo, arriviamo!
Questo è il secondo libro della serie scritto da Rosa Teruzzi. C'è un vecchio casello, ci sono tre donne: nonna, figlia e nipote, che insieme sono una forza. Basta dirvi che dovete assolutamente leggerlo? No, in effetti non basta. Ok vi posso scrivere che il mistero c'è, sia a breve che a lungo termine, le protagoniste sono delle macchiette, ma non esagerate da apparire surreali e le loro avventure dentro e fuori casa vi terranno incollati alle pagine. Così può bastare? Dai su, non fatevi pregare! Ovviamente dovete iniziare dal primo. Recensione Qui.

Adesso invece cambiamo completamente genere, un autore di cui ho molto sentito parlare, ma qualcosa mi ha sempre spinto a NON leggere i suoi romanzi. Poi mi sono decisa, per puro caso.
Non vi devo nemmeno dire l'errore madornale che ho fatto a non leggere le opere di Haruf prima. comunque sono andata in libreria e ho acquistato questo, perchè la mia libraia me ne ha parlato benissimo. L'ho letto e ho capito lo spessore di questo autore. Questa è una storia, d'amore direi, ma vissuta in maniera diversa da quello che ci si aspetterebbe. Meraviglioso. Lo stile è particolare, scorrevole ma profondo. Recensione Qui.

Ed ecco un altro libro che in qualche modo ho snobbato, dimenticato in fondo al kobo, letto perchè di notte spesso mi sveglio e non riesco più a prendere sonno, ma tenere in mano il quinto dei Cazalet, in versione cartacea, alle tre del mattino è complesso. Così l'ho iniziato, ricordandomi che Daniela mi aveva parlato benissimo di questa autrice. E' lei, Bianca Marconero.
Se amate i libri e il cinema, siete un po' nerd e vi sentite leggermente incompresi, questo è libro che fa per voi. Il protagonista si chiama Dante, e la sua musa diventerà Beatrice. Devono girare un film, lo ha scritto Bea e lo dirigerà Dante, al quale non piace la sceneggiatura. Perfetto oserei dire. Mi è piaciuto, moltissimo. Una storia diversa, assolutamente non scontata, scritta per benino. Per tutti coloro che hanno faticato a prendersi delle responsabilità, per i ragazzi che nonostante siano diventati maggiorenni, sono sempre e comunque giovanissimi dentro. Per quelli che fanno fatica ad affrontare scelte che non avevano previsto, perchè il sapere cosa accadrà è più rilassante della sorpresa, difficile da affrontare. Recensione qui.

Così abbiamo ripercorso il mio anno da lettrice, il mio 2017 libroso. Ho appositamente inserito le immagini che ho usato per le recensioni, proprio per ripercorrere insieme a voi i miei dodici mesi, con un po' di malinconia, come sempre accade. Sono curiosa di scoprire quali sono stati invece i vostri libri più belli, quelli che porterete sempre nel cuore. Ci rileggeremo nel 2018!! Besitos

You Might Also Like

12 commenti:

  1. La saga dei cazalet la sto sentendo nominare tantissimo, mi sa che prima o poi... ;-)

    La rattaro e la bramati le ho apprezzate in altri libri,ma ho in programma di leggere anche questi ;-)

    Sul blog ci sono le mie letture più belle del 2017

    http://chicchidipensieri.blogspot.ch/2017/12/greatest-hits-2-i-libri-piu-belli-del.html


    Buon anno!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Angela! Beh allora abbiamo qualche autore in comune! Vengo volentieri a leggere il tuo recap! Grazie per essere passata a salutarmi :-)

      Elimina
  2. Allora...
    Gli innocenti non è finito nella mia top ten per un soffio, purtroppo ho dovuto fare delle scelte ma se avessi avuto degli spazi in più sicuramente avrei messo questo.
    La Rattaro, la Bosco e i Cazalet ci sono invece entrati di corsa!
    Della Briganti che te lo dico a fare? Una delle mie scrittici preferite in assoluto e sono contenta che tu abbia amato Gioia tanto quanto me.
    Marone devo ancora leggerlo, ti saprò dire! Anche quello della Marconero è in lista ahahahah alla fine lo hai letto prima di me!
    La Teruzzi e Haruf qualcosa mi dice che li leggerò presto. Buon anno sorella, e chi se ne frega se hai letto meno! Se al mondo c'è gente che non ha nient'altro da fare che scrivere sul blog non è un problema tuo, tu vivi sorella! ;)

    RispondiElimina
  3. Ah ah ah grazie sister, io ho semplicemente risposto a domande che so già che molte persone si faranno, così non permetto loro di scervellarsi e dono loro una risposta sincera!! Chissà come mai...potresti leggerli presto! Chissà perché ah ah ah
    E comunque Sister stavo notando che...la maggior parte dei miei preferiti sono italiani. Che bella cosa. Bacio sorella

    RispondiElimina
  4. Una bella lista con molti titoli italiani! Mi piace sempre sbirciare nelle classifiche altrui ;) trovo spunti per allungare le mie WL. Io quest'anno non ho certo letto molto più di te, ma mica conta la quantità, no?! Ti auguro un nuovo anno sereno, Baba, te lo meriti, libro più libro meno...l'importante è essere almeno un po' felici! Bacio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Roberta, no infatti, conta sicuramente la qualità, anche se...avere del tempo per riuscire a leggere un po' di più, in fondo non mi dispiacerebbe per nulla. Grazie davvero, spero proprio che quest'anno sia migliore, perchè anche se è stato un anno normale rispetto al 2016, il ricordo è sempre stato dietro l'angolo, come il dolore. Ma io sono molto, molto fiduciosa! Un bacio grande a te! e tanti tanti auguri

      Elimina
  5. Ho visto blog con molti pochi post all'attivo e pieni di follower (i misteri!) E ti preoccupi tu con 55 libri quindi almeno 55 recensioni?
    Molte belle letture, alcune delle quali devo recuperare anch'io (Haruf, per dire, a breve!).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buonasera ragazza mia! in effetti di misteri sul web ce ne sono assai!! Ecco, Haruf...devi recuperarlo, per forza direi! Un bacio grande per te

      Elimina
  6. I Cazalet <3 mi rimane l'ultimo libro della saga! Lo leggerò il prossimo anno!

    RispondiElimina
  7. Il cinturino in gomma è dotato di un cambio rapido brevettato imitazioni orologi QucikSwitch che consente un cambio rapido e semplice del cinturino. La cinghia di quest'anno Audemars Piguet replica aggiunge un meccanismo a pulsante che utilizza lenzuola più leggere per maggiore comfort e praticità.

    RispondiElimina
  8. Hey, you used to write wonderful, but the last few posts have been kinda boring¡K I miss your great writings. Past few posts are just a bit out of track! come on! 
    tre farfalle trasporti esteri

    RispondiElimina