Giallo,

Recensione - "Lo strano caso dell'orso ucciso nel bosco" di F. Matteucci

sabato, maggio 07, 2016 Baba_Books Desperate Bookswife 18 Comments

Buon sabato miei lettori. Questa settimana ho sconvolto i miei piani e ho pubblicato senza criterio e senza scalette. Insomma sono uscita dai miei schemi :-)
Buona lettura






Titolo: Lo strano caso dellorso ucciso nel bosco
Autore: Franco Matteucci
Casa Editrice: Newton & Compton  
Pagine: 261
Prezzo: 9,90€
Pubblicazione:  marzo 2016
Sinossi: Qui sul sito Newton
                           
     




VOTO: 
Notizie sull'autore:

Autore e regista televisivo, vive e lavora a Roma. Insegna Tecniche di produzione televisiva e cinematografica presso l’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli. Ha scritto i romanzi La neve rossa (premio Crotone opera prima), Il visionario (finalista al premio Strega, premio Cesare Pavese e premio Scanno), Festa al blu di Prussia(premio Procida Isola di Arturo – Elsa Morante), Il profumo della neve (finalista al premio Strega), Lo show della farfalla (finalista al Premio Viareggio – Rèpaci). È autore di una serie di gialli di grande successo che hanno per protagonista l’ispettore Marzio Santoni: Il suicidio perfetto, La mossa del cartomante, Tre cadaveri sotto la neve, Lo strano caso dell'orso ucciso nel bosco. I suoi libri sono stati tradotti in diversi Paesi.

Bruna era una mamma amorevole, la consapevolezza dell'arrivo imminente della morte la destabilizzava. Come avrebbe fatto la sua prole a vivere senza di lei? Sapeva che quell'uomo era malvagio, lo ha sempre sospettato, da quando le regalò quella collana. Nei suoi occhi c'era l'odio travestito abilmente da tenerezza. E così Bruna spirò, con le unghie piantate nella corteccia, la rabbia causata da un tradimento così umanamente vile e lo strazio per l'abbandono dei suoi piccoli al loro destino.


L'incipit ha prontamente catturato la mia attenzione, perché quelle pagine piene zeppe di pensieri dell'orsa Bruna, prossima alla morte, hanno rattristato il mio animo, ma contemporaneamente mi hanno fatto pensare: "Oh guarda, un giallo diverso dal solito".
Matteucci, che è un noto autore e regista televisivo, oltre ad aver scritto diversi romanzi premiati dalla critica, ha intrapreso la strada del giallista, e proprio grazie al protagonista di sua invenzione, Marzio Santoni, le sue storie hanno varcato le frontiere.
Questo è il quarto caso affidato all'ispettore Santoni, soprannominato, grazie al suo sorprendente olfatto, Lupo Bianco. Valdiluce è il piccolo paese abbarbicato sulle Alpi che ospita ancora una volta un caso spinoso da risolvere, ma nonostante le reticenze e l'omertà degli abitanti, che conoscendosi tutti cercano di coprirsi l'uno con l'altro per non avere rogne, il nostro solitario, e sicuramente affascinante ispettore, non si lascia scoraggiare, così aiutato dal suo braccio destro, mangiatore seriale di cioccolatini, anche questa volta farà luce sullo strano caso.

Il primo punto a favore di questo giallo è lo stile scorrevole: curato ma fluido in ogni sua parte. Nessuna divagazione superflua, ogni frase, ogni periodo, ogni parola sono scritti per un motivo e non per allungare la minestra. Credo che in giallo sia fondamentale.
Il secondo punto lo assegno ai personaggi: ognuno di loro è ben delineato sia fisicamente che caratterialmente, ma sopratutto sono originali e reali, con i loro soprannomi tipici di una piccola realtà di provincia, ognuno con i suoi piccoli scheletri nell'armadio e le proprie debolezze.
Il terzo punto va all'abilità dell'autore: è riuscito a scrivere una serie che però si può tranquillamente iniziare ad amare dal quarto libro, senza smarristi o porsi interrogativi sul trascorso. Il protagonista ha una relazione in sospeso con una certa campionessa del mondo di Sci, immaginiamo che nei capitoli precedenti ci venga narrata la loro storia, ma non sentiamo la necessità di approfondire per proseguire la nostra lettura, poiché ci è stato spiegato tutto in maniera chiara e concisa.
Il quarto punto lo assegno alla trama: siamo partiti dal cadavere di un'orsa per arrivare ad un serial killer spietato e ingegnoso. Un giallo con delle lievi caratteristiche da thriller niente male. 

Credo di avervi detto tutto, se andassi oltre rischierei di svelarvi troppo. Il mio consiglio è quello di leggerlo, mi ha sorprendentemente colpita e sono certa che leggerò il prossimo capitolo di questa serie, anche perchè mi sono invaghita dell'assistente, con tutto quel cioccolato...potrebbero ricoverarci dopo pochi giorni!




You Might Also Like

18 commenti:

  1. Ciao Salvia, bella recensione!
    Mi hai incuriosito, mi piacciono i gialli originali. Lo leggeró, magari in un' altra delle fantastiche iniziative delle altrettanto fantastiche LGS!
    Buon week-end
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Sai in realtà non avevo aspettative altissime, invece è stata una sorpresa :-)
      Grazie per le "fantastiche" , adesso posso gongolarmi un po'
      Un abbraccio a te

      Elimina
  2. lo sto leggendo anche io e devo dire che fino a qui sono molto d'accordo con il tuo giudizio! ci vediamo al salone??
    http://www.audreyinwonderland.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ohhhh bene! Correrò a leggere il tuo pensiero :-)
      Maaaa sabato o domenica?

      Elimina
  3. Quattro tazze?!?!? Caspita, devo muovermi a leggerlo allora! Baci Salviuccia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bacci?? ma non l'hai ancora letto?? su dai sbrigatiiiiiiii
      bacione a te

      Elimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. Libro interessante e poi io amo i gialli e con la tua recensione me li hai fatti amare ancora di più! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno Silvia! ohhh bene, se ti piacciono i gialli credo che questo sia proprio perfetto allora :-) mi raccomando fammi sapere eh?
      Un abbraccio

      Elimina
  6. Libro interessante e poi io amo i gialli e con la tua recensione me li hai fatti amare ancora di più! :D

    RispondiElimina
  7. Se i personaggi sono ben caratterizzati e lo stile è fluido credo proprio che questo giallo sarà presto mio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nadia! Spero davvero che possa piacere anche a te :-)
      Bacino

      Elimina
  8. Titolo a parte mi pare interessante (mi si passi la rima).
    un bacio da Lea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ah ah abbiamo una Lea poetica :-) Si, interessante. E' bello scoprire autori nuovi e anche decisamente bravi!
      Un bacio a te mia dolce LEa

      Elimina
  9. Ce l'ho lì da ancora prima che uscisse, ora dopo la tua recensione potrei pensare di dargli una possibilità! 😉

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sister leggilooooooooo :-) secondo me ti piacerà

      Elimina
  10. Ciao Salvia!
    Avevo adocchiato il libro, ma non ero molto convinta...
    penso che ora ci farò un bel pensiero! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Jasmine :-) anche io su due piedi non lo avrei letto, poi me ne hanno parlato bene e mi sono convinta!!!

      Elimina