Giallo,

Recensione - " La Battaglia Navale" di Marco Malvaldi

lunedì, giugno 20, 2016 Baba_Books Desperate Bookswife 19 Comments

Sarà questo il mese dedicato a Malvaldi? Potrebbe essere. Ecco il suo ultimo giallo ambientato come sempre al Bar Lume in quel di Pineta. Chi sarà la vittima questa volta? Alice Martelli, con l'aiuto della squadra speciale munita di dentiera, risolverà il caso.




Titolo: La battaglia navale
Autore: Marco Malvaldi
Casa Editrice: Sellerio
Pagine: 192
Prezzo: 13,00€
Pubblicazione: 2016
Sinossi: Qui sul sito Sellerio
Genere: Giallo

                         

 

Notizie sull'autore:

Marco Malvaldi (Pisa, 1974), di professione chimico, ha pubblicato con questa casa editrice i romanzi della serie dei vecchietti del BarLume (La briscola in cinque, 2007; Il gioco delle tre carte, 2008; Il re dei giochi, 2010; La carta più alta, 2012; Il telefono senza fili, 2014; La battaglia navale, 2016, salutati da un grande successo di lettori. Ha pubblicato anche Odore di chiuso (2011, Premio Castiglioncello e Isola d’Elba-Raffaello Brignetti), giallo a sfondo storico, con il personaggio di Pellegrino Artusi, Milioni di milioni (2012), Argento vivo (2013) e Buchi nella sabbia (2015).



Altro capitolo, altra corsa. Marco Malvaldi ha scritto un altro episodio ambientato al Bar Lume. Stessa spiaggia, stesso mare e anche i vecchietti che per il momento non hanno raggiunto i campi elisi. Alice Martelli è la nuova commissaria nonché fidanzata ufficiale di Massimo in barrista, il Rimediotti invece è attaccato ad una macchina che non gli permette di parlare fluentemente, quindi poverino sembra un robot balbulziente, Ampelio è il solito rompicoglioni, Aldo è un socio stanco e leggermente svampito e Pilade è sempre il medesimo.
Pineta è nuovamente il teatro di un omicidio, questa volta si tratta di una ragazza ucraina, che come mestiere assiste le persone anziane.

Sono consapevole che quest'ultima fatica del Malvaldi non sia stata da tutti apprezzata, alcuni l'hanno trovata sottotono, altri addirittura noiosa, altri ancora hanno pensato che il mio stimato autore Pisano avrebbe dovuto fermarsi prima. Io la penso diversamente. Ammetto di aver particolarmente amato gli ultimi due titoli della serie, ma comunque mi sono divertita anche questa volta. Certo lo scenario è un po' cambiato e Alice non è propriamente quella che chiamerei "una simpatia" , Tiziana è forse un po' stanca e il barrista forse, ballando un passo a due potrebbe essersi leggermente addolcito, ma io al Bar Lume mi sento a casa, nonostante l'arredo cambi continuamente e Massimo non  sia il gestore ideale, io comunque mi accomoderei al fianco di Ampelio a mangiare un gelato sottobanco. Mi divertirei da matti ad improvvisarmi detective, e sopratutto mi confronterei con gli ottuagenari, perché l'anima del libro sono proprio loro. Del giallo in fondo, ci importa poco, o meglio, siamo curiosi, ma prima di tutto vogliamo scavare nella vita privata delle persone che ormai crediamo di conoscere, che abbiamo inglobato nel nostro branco e se il Bar è la nostra seconda casa i personaggi hanno conquistato un posto speciale.

Il mio consiglio è quello di non fermarvi, Massimo e tutto il resto della cricca vi intratterranno anche questa volta, forse non sarà il loro miglior caso da risolvere, ma io vorrei saperne di più e spero che il colto toscano mi regalerà ancora almeno un capitolo con un epilogo con i contro mazzi! Questa è una delle poche serie che ho letto senza tralasciare nulla, rimanendo al passo, desiderando di leggere quello successivo il più presto possibile, quindi caro Marco, se tu fossi Babbo Natale ti chiederei almeno un altro libro con un finale che faccia "Booooom", ma visto che siamo quasi a luglio e tu non possiedi la lunga barba bianca...te lo chiedo lo stesso.

Punti forti
  • la fluidità con la quale l'autore continua a narrare questa storia, senza intoppi, come se avessimo letto il libro precedente solo poche ore prima.
  •  Lo stile è innegabilmente affascinante, come ho già scritto altre volte, il Malvaldi ne sa, e non lo nasconde.
  •  I pensionati e la location, sono stati studiati a puntino e non stancano mai.

Punti deboli

  •  Forse la nuova fidanzata del barrista non è così popolare, potrebbe far perdere dei punti allo stesso protagonista.
  •  Una Tiziana leggermente sottotono ci fa sentire la mancanza della super rossa dalle bocce prorompenti. Oddio le tette son le stesse, la chioma anche, ma appare decisamente più distante.



You Might Also Like

19 commenti:

  1. Malvaldi ancora mi manca, ma a proposito di dentiere ho in tbr Squadra speciale minestrina in brodo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Beth!! ecco vai a recuperare Malvaldi, parti dalla Briscola in cinque e non te ne pentirai!!!! Uhhhh la squadra speciale minestrina in brodo non vedo l'ora di leggerlo!! Un abbraccio

      Elimina
  2. Ciao sister! Come sai io mi sono fermata al primo della serie quindi non so... magari prima o poi recupero gli altri!
    Certo che Pineta ha più omicidi del Bronx! Ahahahahahaahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io come Daniela mi sono fermata al primo. Ho appena scoperto Manzini e quindi tornerò a Malvaldi fra un po'. Recensione frizzantina!
      Bacio da lea

      Elimina
    2. Ciao ragazze belle, sì lo ammetto, Pineta è un luogo alquanto pericoloso ah ah ah, quindi fate attenzione, magari fermatevi a prendere un caffè al Bar di Massimo, ma poi andate a dormire da un'altra parte!!! Scherzi a parte, spero che possiate prima o poi proseguire, anche Manzini...mica male!! Baciotti

      Elimina
  3. Che bello Malvaldi a me piace sempre e comunque
    E poi i vecchietti sono fantastici non posso non amarli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Chicca, Malvaldi è un po' una nostra garanzia no? Un bacetto

      Elimina
  4. Vedi, io passo da te, mi ritrovo davanti Malvaldi e mi ricordo di segnarmelo tra gli autori che vorrei conoscere! Oggi è stato uno scambio proficuo :) Baci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna, ah ah ah io te ci scambiamo gli autori come se non ci fosse un domani! Ecco segna segna, mica deve piangere solo il mio di portafoglio, chi non spende in compagnia è un ladro e una spia ah ah ah .
      Un bacione a te

      Elimina
  5. Mannaggia a me che non ho mai badato molto a questi autori Sellerio, sono proprio una capra. Sto già recuperando però: Manzini è uno spasso e presto seguirò il tuo consiglio andando ad incontrare i vecchietti del BarLume. Ciao Baba! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma buongiorno Cecilia, spero proprio che presto andrai al Bar Lume a conoscere Massimo e i vecchietti!!! Sono contenta che Manzini ti piaccia, io ho letto il primo ma non ho ancora comprato gli altri perchè prima vorrei finire altre serie "vecchie", ma Rocco Schiavone è un bel personaggio. Ti abbraccio, a presto

      Elimina
  6. Ma ciao!
    Anch'io sono tra quelle che ancora non ha incontrato Malvaldi, pur avendolo segnato più volte.
    Una domanda mi sorge spontanea: se mai un giorno, vista anche l'età, la Signora in Giallo decidesse di andare a bere un caffè al Bar Lume...
    Io per sicurezza me ne tengo alla larga
    Bacio, Stefi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Savve! Ohhhhhh Bacci, posso bacchettarti allora, ancora non sei andata al Bar Lume? Non saprei, e se la Signora in giallo accoppasse i vecchietti? Oppure potrebbe scappare con Aldo, insomma le possibilità sono parecchie :-)
      Bacione

      Elimina
  7. Sono d'accordo con te Baba, anche questa volta Malvaldi mi ha divertita ed è questo che gli chiedo (oltre che di insegnarmi roba strana tipo il sample bias!) E poi ho qualche difetto in comune con la commissaria, quindi a me non sta troppo antipatica :-) comunque credo che in futuro per Tiziana ci sarà più spazio, visto come si conclude questo romanzo! Baci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno Nadia, ohhhhhh meno male, sono contenta che abbia divertito anche te, cominciavo a sentirmi un po' strana (oddio lo sono lo stesso eh...ah ah ah) comunque si, credo che Tiziana sarà un po' più presente, vedremo gli sviluppi! A presto, un bacio

      Elimina
  8. io rido ancora se ripenso a questo libro... Dai che inizio anche io questa serie, voglio arrivare un pochino preparata all'incontro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehhhh Chiara, rido anche io ah ah ah :-) bacio

      Elimina
  9. Risposte
    1. Già, barrista con due R, è così che nel libro viene chiamato Massimo il "barrista"
      Sarà che in Toscana dicono " andiamo al barre? "
      Ah dimenticavo, ciao Marina, benvenuta :-)

      Elimina