Garzanti,

Recensione - "Regalo di nozze" di Andrea Vitali

martedì, giugno 28, 2016 Baba_Books Desperate Bookswife 9 Comments

Buon martedì a tutti, inutile che vi ripeta che il blog è in pre-vacanza a causa di alcuni problemi familiari, ma non posso non ringraziare tutte quelle persone che anche se non conosco fisicamente, mi hanno scritto, telefonato, inviato un biglietto, commentato, insomma grazie perchè se non ci foste voi a supportarmi in questo momento farei fatica a mandare avanti il blog. Probabilmente sono un po' sotto tono, ma io sono una emotiva, e non riesco a staccare il cuore dal cervello!! Detto ciò...siete pronti a tornare sulle rive del lago di Como?


Titolo: Regalo di Nozze
Autore: Andrea Vitali
Casa Editrice: Garzanti
Pagine: 170
Prezzo: 14,00€
Pubblicazione: 2012
Sinossi: Qui sul sito Garzanti
Genere: Narrativa Italiana Contemporanea

                         

 

Notizie sull'autore:
Di Andrea Vitali (Bellano 1956) nel catalogo Garzanti sono presenti: Una finestra vistalago(2003, premio Grinzane Cavour 2004, sezione narrativa, e premio letterario Bruno Gioffrè 2004), Un amore di zitella (2004), La signorina Tecla Manzi (2004, premio Dessì), La figlia del podestà (2005, premio Bancarella 2006), Il procuratore (2006, premio Montblanc per il romanzo giovane 1990), Olive comprese (2006, premio internazionale di letteratura Alda Merini, premio lettori 2011), Il segreto di Ortelia (2007),La modista (2008, premio Ernest Hemingway),Dopo lunga e penosa malattia (2008), Almeno il cappello (2009, premio Casanova; premio Procida Isola di Arturo Elsa Morante; premio Campiello sezione giuria dei letterati; finalista al premio Strega), Pianoforte vendesi (2009), Il meccanico Landru (2010), La leggenda del morto contento (2011), Zia Antonia sapeva di menta (2011) e Galeotto fu il collier (2012).
Nel 2008 gli è stato conferito il premio letterario Boccaccio per l'opera omnia.
Il sito di Andrea Vitali è: www.andreavitali.info



Ercole Correnti è un quasi trentenne in procinto di fare IL PASSO, quello che tutti gli uomini in fondo al cuore temono: si sposerà a breve con la sua fidanzata di sempre e proprio sulle rive del lago di Como, pensando al suo futuro, si dirige verso casa di Mamma Assunta, pessima cuoca ma madre amorevole, a consumare uno dei suoi ultimi pasti da scapolo.

Proprio mentre si dirige a passi lenti verso l'abitazione, scorge parcheggiata una Fiat 600 bianca. Sarà il destino? Quella automobile apparteneva a suo papà Amedeo, gran lavoratore purtroppo defunto prematuramente. Ercole ricorda molto bene l'unica gita al mare, in compagnia di mamma, papà e zio Pinuccio, a bordo della fiammante autovettura.
Ricordi, Sentimenti, piccoli segreti, un turbinio di emozioni avvolge Ercole, che vuole sapere, vuole ricordare qualcosa che in fondo non gli è stato raccontato del tutto. Cosa nasconde zio Pinuccio dietro ai suoi sorrisi e all'allegria contagiosa?

Più leggo romanzi di Vitali e più mi rendo conto siano difficili da commentare, l'ambientazione è la stessa, i personaggi sono gli abitanti di Bellano, persone comuni, che non hanno nulla di straordinario, ordinari esseri umani che vivono le proprie vite senza girarsi indietro. Cosa fa il Dottor Vitali? Ci racconta la quotidianità delle persone, quella che per me potrebbe essere routine, lui la trasforma in un romanzo di successo. Il suo segreto? La semplicità delle piccole cose, l'accettazione che non è necessario narrare storie di principi erranti che combattono draghi famelici per conquistare l'attenzione del lettore. Questo è quello che amo dell'Autore Lombardo, la sua capacità di far apparire semplice ciò che scrive.

Regalo di nozze non è uno dei miei preferiti, è una storia niente male, ma il signor Andrea, detto da noi LGS il Nonno - non per la sua età ma perchè affettivamente ci piacerebbe averlo come Progenitore...come costruiamo parentele noi, nessuno mai! - ha fatto anche di meglio, ma indubbiamente lo Zio Pinuccio ha un suo perchè, questo sciupafemmine  mascalzone e un po' ruffiano è un personaggio ben strutturato, accattivante e notevolmente adatto ad incuriosire qualsiasi lettore di passaggio.
Il romanzo è breve ma indubbiamente ricco, preparatevi a scavare nel passato e a rivivere delle atmosfere vintage, fatte di foto ingiallite, macchine d'epoca e tanto altro.

Punti forti

  • L'ambientazione che ormai ci aspettiamo di trovare quando compriamo un romanzo scritto da questo autore. Ogni volta che iniziamo a sfogliare il libro torniamo a Bellano, un posto che conosciamo discretamente anche senza averci mai camminato per le sue vie.
  • Come sempre i personaggi sono ottimamente descritti, sopratutto psicologicamente.
Punti deboli:
  • Ercole Correnti, che in fondo è il marionettista della situazione,  non è in sintonia con il suo ruolo. Troppe sono le sue riflessioni che in alcuni punti rallentano la narrazione.
VOTO


Alla prossima gita a Bellano, 



You Might Also Like

9 commenti:

  1. anche io adoro vitali e le sue storie di quotidianietà surreale! Questo mi manca ancora..;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Saya, sono contenta di scoprire che anche tu ami Vitali!! A presto :-)

      Elimina
  2. Come sai, ho conosciuto Vitali da poco e credo di dover recuperare un bel po' di romanzi. Forse questo non lo metterei tra i primissimi titoli, almeno così mi pare di capire ;) baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao bella gioia, guarda, ho letto di meglio. E' carino, scorrevole, niente di particolarmente negativo, ma ne ho preferiti altri. comunque da leggere anche questo, prima o poi :-) baci

      Elimina
  3. Anche io adoro Vitali e ho letto questo libro proprio per la tappa scorsa! Lo seguo da tantissimo e spero un giorno di incontrarlo di nuovo! Pensa che ho un suo vecchissimo libro autografato al salone del libro di Torino, quando ancora non lo conoscevo! Ho preso una sua raccolta e da lì non l'ho più abbandonato!

    Un bacione Baba

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Simo! Vitali è Vitali, un po' burbero, poco loquace ma comunque gentile e diponibile con i suoi lettori. I libri che scrive mi fanno stare bene, mi donano un senso di pace. Io l'ho incontrato quest'anno. a presto, un bacio per te!!

      Elimina
  4. di vitali mi piace tutto, dalle splendide copertine un po' vintage ai personaggi caratteristici!
    http://www.audreyinwonderland.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Amrita, già, Vitali la penna la sa usare bene, anche se non li leggerò mai tutti perchè ne scrive davvero tanti...cerco di difendermi cercando quelli che più mi ispirano. Baciotti

      Elimina
  5. Non conoscevo questo libro... ed è tempo di acquistarne uno per l'estate :-)

    The Princess Vanilla

    RispondiElimina